Elenco degli argomenti trattati nella




Скачать 332.92 Kb.
НазваниеElenco degli argomenti trattati nella
страница1/8
Дата04.10.2012
Размер332.92 Kb.
ТипДокументы
  1   2   3   4   5   6   7   8
ELENCO DEGLI ARGOMENTI TRATTATI NELLA

SEDUTA CONSILIARE DEL 9 OTTOBRE 2007



  1. Comunicazioni.

  2. Interpellanza presentata dal gruppo Forza Italia sul muro di Via Ramelli.

  3. Interpellanza presentata dal gruppo Forza Italia sul cavalcavia che collega V.le IV Novembre e Via 13 Martiri di Kindù.

  4. Interpellanza presentata dal gruppo A.N. sulla costituzione del gruppo comunale di Protezione Civile.

  5. Interpellanza presentata dal gruppo UDC sul completamento opere nelle frazioni di Campodonico, Cupo, San Donato, Vallina, Paterno.

  6. Interpellanza presentata dal gruppo UDC sulla situazione di Via Otello Biondi.

  7. Approvazione delle linee programmatiche relative alle azioni ed ai progetti da realizzare durante il mandato politico-amministrativo 2007-2012.

  8. Approvazione dello schema di convenzione tra gli Enti aderenti al progetto ALI “CESMA” – Centro Servizi della Marca Anconetana.





APPELLO


PRESIDENTE: Ventisei presenti. Las seduta è valida. Scrutatori: Ottaviani, Giuseppucci e Balducci. Il 4 ottobre è morto il Sottufficiale del Sismi Lorenzo D’Auria dopo essere rimasto ferito gravemente in Afghanistan; era un servitore dello Stato caduto nell’assolvimento delle proprie funzioni, per questo motivo credo che sia meritevole di un minuto di silenzio. (minuto di silenzio)


SINDACO: Nei giorni scorsi è morto Don Lido Ciccolini, che per tre anni circa ha retto la nostra Diocesi. Quindi io ho fatto a nome del Consiglio Comunale le condoglianze al Vescovo in modo che le estendesse anche alla famiglia. Vi chiedo un minuto di silenzio anche per la morte di Don Lido. (minuto di silenzio)


PRESIDENTE: Come già avevo preannunciato nella seduta precedente, nel prossimo Consiglio porterò l’approvazione dei verbali relativi ai primi tre mesi del 2007 perché nel 2007 non è stato approvato nessun verbale. Per accedere alla lettura degli stessi bisogna entrare nell’area riservata con la password comunicata con lettera al primo o secondo Consiglio, quindi chi l’avesse smarrita la può richiedere. Un'altra cosa, la convocazione delle commissioni: ho visto che già in diverse occasioni sono state convocate le commissioni non estendendo l’avviso a tutti gli interessati. Il punto 3 dell’articolo 3 recita così: “Le convocazioni di cui al precedente comma sono disposte con avviso scritto, contenente l’indicazione del giorno, ora, luogo ove si tiene la riunione e l’ordine del giorno da trattare, da recapitarsi ai componenti della commissione nel loro domicilio almeno tre giorni prima di quello in cui si tiene l’adunanza. Della convocazione è data comunicazione entro lo stesso termine al Presidente del Consiglio, al Sindaco, ai Capigruppo e agli Assessori delegati alle materie da trattare nella riunione della quale viene inviato l’ordine del giorno”. Devo ripetere? “Le convocazioni di cui al precedente comma sono disposte con avviso scritto, contenente l’indicazione del giorno, ora, luogo ove si tiene la riunione e l’ordine del giorno da trattare, da recapitarsi ai componenti della commissione nel loro domicilio almeno tre giorni prima di quello in cui si tiene l’adunanza. Della convocazione è data comunicazione entro lo stesso termine al Presidente del Consiglio, al Sindaco, ai Capigruppo e agli Assessori delegati alle materie da trattare nella riunione della quale viene inviato l’ordine del giorno”. Per mettere al corrente tutti i Consiglieri io faccio un riassunto di tutte le commissioni permanente con i componenti, i Presidenti e i Vice Presidenti. Commissione affari istituzionali e partecipazione, insediatasi il 22.9.2007; tratta gli affari istituzionali, istituti di partecipazione, informatizzazione, organizzazione degli uffici e dei servizi e personale; componenti effettivi di maggioranza: Alianello Claudio, Tassi Santina e Mariani Leandro; supplenti di maggioranza: Armezzani Francesco; effettivi di minoranza Galli Giuseppe e Latini Guido; supplenti di minoranza: Mezzopera Ennio; Presidente Alianello Claudio e Vice Presidente Tassi Santina. (È da ricordare le commissioni le convoca il Presidente della commissione). Invece di leggere credo sia opportuno fare una copia per tutti i Consiglieri. C’è un'altra comunicazione che è urgentissima: liquidazione dei gettoni di presenza ai Consiglieri Comunali. Per consuetudine il servizio affari generali liquida con cadenza trimestrale i compensi spettanti ai Consiglieri Comunali per la loro partecipazione alle sedute degli organismi di cui fanno parte, Consiglio e commissioni consiliari. A seguito della modifica del regolamento delle commissioni consiliari, apportata con delibera del Consiglio Comunale n. 122 del 18.9, attualmente manca un riferimento dal quale desumere l’importo dei gettoni di presenza per le riunioni delle commissioni stesse. Nel corso della seduta è stato concordato di demandare alla commissione affari istituzionali, finanze e bilancio la formulazione di una proposta in merito al nuovo importo. Non appena il Consiglio approverà tale proposta sarà cura degli uffici procedere alla liquidazione dei gettoni di presenza spettanti per la partecipazione alle sedute delle commissioni consiliari. Nel frattempo verranno liquidati solo gli importi nascenti dalla partecipazione ai Consigli Comunali nel mese di luglio, agosto e settembre.


CONS. TINI: Da chi è firmata questa comunicazione?


PRESIDENTE: Dall’ufficio della Presidenza.


CONS. TINI: Mi hanno sempre insegnato che fintanto che non viene modificata una norma vigente, qui abbiamo fior di avvocati, la norma precedente è valida, perciò questa lettera è ancora una volta offensiva all’intelligenza dei Consiglieri Comunali. Un ufficio dà seguito agli atti esecutivi che sono vigenti in questo Comune senza entrare in discorsi che non sono di loro competenza a mio modesto avviso. Quando poi la commissione e il Consiglio delibererà diversamente da quel momento scatta, senza valore retroattivo. Oggi abbiamo un regolamento molto chiaro e perciò non ha senso questa comunicazione.


SEGRETARIO: Tini, io non c’ero nel Consiglio Comunale, ma gli uffici mi riferiscono che avete modificato il regolamento. Voi avete approvato in Consiglio Comunale un emendamento modificando il vecchio regolamento, laddove diceva che il compenso per le commissioni consiliari era adeguato al compenso per il Consiglio Comunale. Questa norma oggi non esiste più, perché l’avete abrogata e avete approvato un nuovo emendamento. Io non c’ero in Consiglio, mi dicono che avete approvato un regolamento modificando il precedente. C’è un regolamento, leggetelo. … (intervento fuori microfono) Bellucci io non c’ero. Comunque, se i verbali sono falsi, Bellucci, ci sono tutti i mezzi e i rimedi per fare le denunce dove ritenete più opportuno fare le denunce, se qualcuno ha modificato i verbali. Non credo che esista qualche dipendente che modifichi i verbali.


PRESIDENTE: Il Consigliere Urbani per comunicazioni? Allora non si può aprire una discussione, se è una comunicazione sì.


… (intervento fuori microfono)


PRESIDENTE: Consigliere Bellucci, io ho chiesto al Consigliere Urbani se era una comunicazione e ha detto no non è una comunicazione, è una discussione.


CONS. BELLUCCI: … la tua comunicazione, che interessa a me particolarmente.


PRESIDENTE: Alle comunicazioni non si replica. Si può aprire una discussione sulle comunicazioni, direttore?


SEGRETARIO: Lui deve fare una comunicazione e poi decide se fa una comunicazione o no, che ne so, mica faccio il processo alle intenzioni. Ha detto che deve fare una comunicazione.


PRESIDENTE: A prescindere che le comunicazioni dovrebbero essere prima notificate al Presidente, c’è scritto nel regolamento. … (interventi fuori microfono) Adesso lo leggiamo. Il Consigliere Bellucci per comunicazioni.


CONS. BELLUCCI: La mia comunicazione è dovuta al fatto che nel Consiglio Comunale non si è assolutamente parlato di compensi. Si è parlato di adeguamento e che si dava mandato al Consiglio Comunale di rivedere le tariffe e di rivedere i compensi delle varie commissioni, questa è la mia comunicazione. Pertanto chiedo al direttore generale o all’ufficio di segreteria che ci faccia sentire lo stralcio della discussione in Consiglio Comunale in tal senso, riferito proprio a questo argomento.


PRESIDENTE: Leggo il regolamento del Consiglio. Articolo 22: “Comunicazioni, celebrazioni e commemorazioni Il Presidente può svolgere comunicazioni, celebrazioni e commemorazioni. I Consiglieri che intendano farlo a loro volta, debbono informare il Presidente dell'oggetto del loro intervento e, dopo averne avuta autorizzazione, possono parlare”. È il regolamento, dopo che noi abbiamo sempre derogato va bene, mettiamoci una pietra sopra. Il Consigliere Urbani ha la parola.


CONS. URBANI: Grazie, Presidente. La comunicazione che voglio fare più che una comunicazione è una proposta sull’argomento che lei stava parlando dei verbali che non sono stati firmati da tre mesi a questa parte. Io propongo che i verbali delle riunioni del Consiglio Comunale siano allegati ai documenti che riceviamo per il Consiglio Comunale successivo in forma scritta anziché andarli a leggere sul sito, perché sono presenti sul sito, ma io gradirei che siano allegati in forma scritta ai documenti che vengono presentati per il prossimo Consiglio Comunale affinché tutti i Consiglieri abbiano la possibilità di leggerli serenamente. Grazie.


CONS. MINGARELLI: Io richiedo, se è possibile, l’invio degli ordini del giorno anche in formato mail, comprese le veline. Sinceramente sarebbe molto comodo per me ricevere anche via e-mail, quindi è una richiesta questa.


CONS. MEZZOPERA: Ritengo doveroso comunicare e informare tutti che, dopo aver effettuato la richiesta delle copie dei nastri magnetici utilizzati in questa sala per le registrazioni delle sedute consiliari e dopo averli ascoltati proprio nella sede comunale in presenza dei testimoni, ho potuto appurare che le trascrizioni effettuate non riportano fedelmente le discussioni della seduta. Il fatto grave è che le trascrizioni vengono effettuate omettendo intere frasi. È ancora più grave il fatto che alcune frasi e passaggi, seppure di importante rilevanza, vengono addirittura alterati. Ricordo a tutti che le trascrizioni delle registrazioni debbono, ripetono debbono, essere fedeli. Quindi invito questa Amministrazione di accertare i fatti e se necessario di prendere i provvedimenti dovuti. Grazie.


CONS. CARMENATI: Sempre in merito alle trascrizioni dei verbali, siccome questo è compito del Presidente del Consiglio, io non so quale iter, quale procedura si segue, da quello che ho capito i nastri vengono mandati a una cooperativa che ha in appalto il servizio, da quello che mi hanno riferito, e questa cooperativa prepara i verbali e i verbali arrivano a noi. Io chiedo di sapere se gli uffici ricontrollano i verbali, se il Presidente controlla i verbali. Essendo quella della verbalizzazione una funzione importantissima io innanzitutto sono contrario che venga dato il servizio fuori, perché io ricordo quando ero Consigliere tra il 90 e il 95 che si faceva internamente. Io devo sapere, Roberto, se un verbale non è fedele a chi mi devo rivolgere e soprattutto una cosa se fino adesso, Presidente, tutti i verbali che non sono fedeli la responsabilità è solo e unica del Presidente del Consiglio da come stanno andando le cose, perché è lui che quando ce li porta in Consiglio deve aver verificato che i verbali siano regolari, oppure sono gli uffici. Se non è così, direttore, sono gli uffici. … (intervento fuori microfono) Hai ragione. Ennio, dal momento che tu dici così io sono d’accordo. Allora sarà questo proprio della verbalizzazione, anche perché poi dalla verbalizzazione lo sapete tutti che nascono delle responsabilità per noi e quindi se c’è qualcosa che non va è da lì che nasce la bua, quindi io prima di votare qualsiasi verbale voglio che con congruo anticipo lo possa esaminare. Voglio fare in ogni momento che voglio il riscontro con il nastro magnetico, questo è chiaro? Gli uffici sono attrezzati a questo? Benissimo.


CONS. GALLI: Sempre in merito al verbale comunico al Consiglio che è necessario che sia garantito al Consiglio medesimo che queste trascrizioni non possono, il Presidente lo ha detto, portate in Consiglio l’accumulo di due o tre mesi di verbali. La funzione del controllo del verbale, e su questo il richiamo esplicito all’articolo 18 del regolamento prevede che ogni Consiglio approvi il verbale della seduta precedente, poi non vorremmo altrimenti trovarci nelle condizioni di andare ad approvare dei verbali su cassette praticamente smagnetizzate. Questo lo dico in modo molto chiaro in relazione alla lettura che ho avuto dell’ultima trascrizione della famosa seduta del 28 settembre. Se voi guardate, non so chi dei Consiglieri ha questa trascrizione, ci sono 42 pagine di trascrizione del verbale del 28.9 e guarda caso solo sul punto relativo alla sospensione dei lavori, pagina 24 e 25, si legge: “cassetta non magnetizzata, parte di cassetta non registrata”, cinque volte in 42 pagine. Tra l’altro dalla rilettura fatta dal Consigliere Mezzopera, ma fatta anche dall’avvocato Galli in presenza dei dipendenti del Comune mancano due passaggi che noi segnaliamo al Consiglio e comunichiamo al Consiglio affinché siano fatte le rettifiche e dunque nella prossima seduta in sede di approvazione qualora è stato sospeso il Consiglio non c’è scritto che è avvenuta la sospensione, c’è scritto solo riferito a D’Innocenzo “allora te lo spengo come microfono” e di sospensione non si parla. Secondo passaggio, sempre di comunicazione al Consiglio, nel momento in cui secondo me e secondo la minoranza in via del tutto illegittima, e questa sempre nell’ambito di una comunicazione al Consiglio questo Consiglio ha lo stesso proceduto alla ripresa dei lavori nonostante una grave violazione di ordine procedurale, anche nel verbale manca un passaggio in cui non si dice, anzi lo dice il Presidente ma non si trascrive: “adesso ce lo invalidano”. Questo passaggio è omesso. Allora, guarda caso, in 42 pagine abbiamo due pagine smagnetizzate, non registrate, manca la sospensione, manca il passaggio del Presidente che dice adesso ce lo impugnano. Allora credo che qui, e questa è sempre una comunicazione, sia necessario, perché questo fatto è gravissimo, assolutamente grave, che queste abitudini, i verbali vengano portati in Consiglio, il Segretario ha perfettamente ragione, siamo noi Consiglieri che dobbiamo averne la lettura e di volta in volta approvarli ma non è possibile che questo arrivi in Consiglio dopo tre mesi e qui io leggo cassetta non magnetizzata, cosa leggo dopo? Che tipo di verifica vado a fare, su quello che è stato un verbale di tre mesi fa? Mi si viene a dire che la cassetta è smagnetizzata, dove è la funzione di garanzia del dibattito che è avvenuto in aula?


CONS. VERGNETTA: Per comunicazioni. Una prima comunicazione è che dal momento in cui prima si parlava del gettone di presenza delle commissioni e dal momento in cui nella seduta del 18 settembre il mio emendamento è stato votato in cui si sopprimeva dal regolamento della commissione l’indicazione dell’importo, io confermo quanto è stato detto dal direttore, quanto hanno riportato gli uffici perché addirittura l’abbiamo votato penso anche tutti insieme quell’emendamento, in quell’emendamento si è soppresso l’indicazione dal regolamento delle commissioni dell’importo del gettone, rimandando alle commissioni competenti l’individuazione del nuovo importo, per cui secondo me è del tutto corretto, l’indicazione del nuovo importo. La seconda comunicazione è che domenica scorsa 7 ottobre ho rappresentato per commissione del Sindaco l’Amministrazione e tutta la cittadinanza alla Marcia della Pace Perugia Assisi insieme al Consigliere Biondi, di conseguenza ritiro il punto 30 all’ordine del giorno che richiedeva al Consiglio Comunale di pronunciarsi in merito alla questione. Grazie.


CONS. GENTILI: Innanzitutto al Consigliere Vergnetta per il semplice motivo che finché una norma non è stata fatta e non abbiamo detto quanto ci costerà questo gettone, quanto costeremo, si continua a utilizzare le norme precedenti, questa è la legge. Per quanto riguarda invece la questione dei verbali mi preme dire che io ho constatato che al terzo Consiglio Comunale avevo fatto 13 interventi e me ne sono ritrovati appena due. In più nel momento in cui sono andato a constatare il linguaggio espresso, che è un linguaggio di espressività ricciana, mi vado a trovare dei punti, delle virgole, non si sa che cosa. Allora io mi chiedo se siamo nel 2007 e se siamo nell’epoca del digitale perché noi ancora utilizziamo dei nastri magnetici quando ci possono essere dei sistemi di informatizzazione che potrebbero risolvere tutti questi problemi. Evidentemente se il nostro Sindaco fosse un po’ più parsimonioso in altri settore ci potremmo informatizzare molto meglio. Grazie anche per il V2.


CONS. D’INNOCENZO: Intanto sottolineiamo solo il fatto che anche quest’oggi abbiamo potuto iniziare questa assemblea grazie al numero legale garantito dall’apporto dell’opposizione. Quello che è successo sul fatto delle trascrizioni è gravissimo. È veramente grave anche perché sono apparse sui giornali le nostre dichiarazioni e i nostri intenti di ricorrere al Prefetto in merito a come era stata svolta l’assemblea, a come era stati tenuti i lavori in questa assise e quindi aver visto qualcun altro che ha risposto sempre a mezzo stampa andate pure a controllare i verbali e vedremo poi in sede di verifica quello che è successo mi sembra che la cosa sia premeditata e la ritengo di una gravità assoluta, anche perché è la seconda volta che succede una cosa del genere. Quindi noi adesso verificheremo, già l’ha fatto per noi il Consigliere Mezzopera e penso anche Galli. Verificheremo quello che è successo, ma non faremo cadere qui la cosa. Mi ricordo nella scorsa legislatura in una commissione dei capigruppo, l’allora Presidente Cucco decise di registrare anche le commissioni e gli fu dato dello squadrista fascista e queste dichiarazioni non risultarono nei verbali. Quindi questi sono comportamenti molto gravi. Siccome è la seconda volta che succede e succede pure in concomitanza con l’indicazione da parte della opposizione di fare un ricorso al Prefetto io penso che qui questa volta, caro Sindaco Sorci, abbiamo toccato proprio il fondo. È una cosa vergognosa quello che è successo. Bisogna fare attenzione e bisogna cercare di mantenere un ruolo e un comportamento un pochettino più alto. Io auspico che questa cosa non sia vera, che si siano sbagliati i Consiglieri di opposizione, che abbiano letto male il verbale perché è una cosa di una gravità assoluta in un momento molto difficile per la politica e per lo stile dei politici che anche in questi giorni a livello nazionale hanno raggiunto veramente un grado decisamente di basso profilo.


CONS. BALDUCCI: La mia più che una comunicazione, volevo rifarmi a quello che diceva prima il Presidente, cioè quando vengono convocate le commissioni sarebbe il caso che viene convocato anche il membro supplente. Questo per poi avvertirlo, perché siccome avviene tre giorni prima, quindi se è possibile.


SINDACO: Scusate, stiamo a fare tante discussioni. I verbali finché non sono stati approvati non hanno nessuna validità giuridica. Quindi se sono sbagliati si cambiano e quindi smettiamocela con tutta questa filippica.


CONS. CROCETTI: Innanzitutto vorrei ricordare che i verbali non è che li trascrivono né gli uffici né il Sindaco né la Giunta e vengono approvati dal Consiglio Comunale, per cui se c’è qualche errore con l’onestà che per quanto mi riguarda ci contraddistingue, se c’è qualche passaggio sbagliato non c’è nessun problema, parla uno che non li ha guardati, non li ha sentiti, per cui tutto questo problema non lo vedo. Se c’è qualche passaggio interpretato male siamo disposti, lo modificheremo senza nessuna difficoltà. Vorrei ricordare anche che le registrazioni vengono anche poco corrette perché molti Consiglieri prendono la parola senza chiederla, parlano e si sovrappongono le voci, per cui visto che giustamente sono stati rilevati questi problemi se noi tutti mantenessimo un atteggiamento civile nell’aula io penso che risolveremo molti di questi di problemi senza spese e senza niente. Chi inorridisce di tanto coso dovrebbe mantenere un atteggiamento civile qui in aula, perché qui in aula si prende la parola dopo che gli è stata concessa e non d’impero. Noi siamo costretti da quando abbiamo iniziato a fare i Consigli Comunali con il regolamento alla mano, analizzate le virgole, le interpretazioni, i toni e quant’altro, poi di fatto mentre si svolge il Consiglio Comunale qualcuno fa di tutto perché avvenga la bagarre. Allora diciamo io le prediche le prendo e mi assumo anche le responsabilità, però basta che chi predica poi non razzoli male e predica bene. È da quando abbiamo iniziato questa legislatura che qui purtroppo o per fortuna siamo in 38 persone dentro qua, se noi non manteniamo un atteggiamento decoroso e civile, rispettoso di tutti noi andremo sempre peggio e poi dopo le registrazioni sono anche conseguenza della bagarre che sta dentro qui. Quindi prima di puntare l’indice agli altri puntiamolo contro di noi che siamo la prima causa.


CONS. BELLUCCI: Io direi che lo scoramento del Sindaco lo posso anche condividere, Roberto, perché effettivamente io mi auguro di no ma Crocetti un po’ di verità la dice pure, non è che Crocetti non dica un po’ di verità. Crocetti poi commette però l’errore di non analizzare bene il perché si è creata questa situazione e perché questa situazione ancora è in essere: questo è il grave, Crocetti, di questo Consiglio Comunale. Ora di fronte a delle affermazioni che anche il Sindaco riconosce di fatto che ci sono state, io non voglio dire omissioni o manipolazioni della cassetta o del verbale, un fatto però, Crocetti, tu lo devi riconoscere politicamente: la minoranza già è minoranza di per sé con quello che ne consegue, se poi gli atti che tutto sommato portano a delle chiarificazioni in Consiglio, se vuoi anche a delle rimostranze anche abbastanza pepate in Consiglio Comunale e poi queste nella trascrizione dei verbali non vengono evidenziate, è chiaro che questo crea e si aggiunge al malcontento che già è in questo Consiglio Comunale. Io sono convinto di quello che tu dici e ti dico che hai anche un po’ di ragione, quello che io non mi capacito però è che di fronte a un ragionamento così fatto stasera su questa manomissione, non la voglio dire questa parola, io faccio come Emilio Fede prima la dice e poi dice che non la voleva dire, questo è gravissimo se fosse vero. Perché è gravissimo? Perché non si può consentire assolutamente a chicchessia di poter dire una cosa e trascriverne un'altra, questo è un problema proprio di reato penale, non è una cosa così per scherzo. Allora siccome qui ci sono dei giovani baldanzosi avvocati, io credo che non ci siano avvocati di maggioranza e avvocati di minoranza, sotto alcuni aspetti giuridici questi amici che siedono, fortunatamente aggiungo io, in questo Consiglio Comunale dovrebbero vedersi ogni tanto quando c’è da dirimere qualche problema di carattere non voglio dire giudiziario, ma comunque che riveste una certa importanza per la funzionalità del Consiglio e che investe alcuni pareri. Qui ci sono gli avvocati di minoranza ed è chiaro che cercano di fare le pulci, l’avvocato di maggioranza tutto sommato va bene così perché è in maggioranza, però non so se questo è anche giusto se fosse vero quello che dicono gli avvocati di minoranza che l’avvocato di maggioranza non si preoccupa di vedere insieme agli amici se veramente c’è qualcosa che non va. Questo è un bene per tutti perché sennò sarebbe troppo comodo che allora 18 vanno avanti e gli altri, poverini, non solo fanno la minoranza, i verbali ve li fate come vi pare e buonanotte. Questo credo che non convenga a nessuno, avvocato Alianello, fare, se si fa, un ragionamento del genere. Io penso che veramente vi convenga vedere un attimino, perché quando comincia così un Consiglio Comunale, e ve lo dice uno che ha leggermente un po’ di esperienza, non tanta, ma quanto basta, è un Consiglio Comunale che è destinato a fallire in partenza, perché se si comincia ad andare avanti con le virgole come fate voi uomini di legge e siete molto bravi a fare una disquisizione ogni Consiglio Comunale è vero, caro Roberto Sorci, questo è Consiglio Comunale che ci porta, ma non solo la minoranza, a fondo, ci porta anche a voi. Allora io dico che responsabilmente chi ha la facoltà di poter redimere qualche volta alcuni problemi chiudetevi dentro una stanza, vedete un attimo come uscirne fuori e poi da lì si riparte tutti insieme, uno con il ruolo di maggioranza e altri con il ruolo di minoranza, perché sennò così veramente diamo un brutto segnale alla cittadinanza e credo che ci cominciano già a tacciare di incapaci e questo secondo me è una vergogna per tutta gente che qui dentro tutto siamo meno che siamo gente che ha delle fedine penali, almeno me lo auguro, … Perciò io dico siamo tutte persone responsabili. Alla fine possiamo essere in disaccordo su alcuni problemi, ma su alcuni problemi seri io dico non ci costringete, ma io non sono sicuro che ho ragione, perché lo stiamo approfondendo in questi giorni questo problema, però ve lo immaginate fare ricorso al Prefetto e al TAR e vi dà torto. Non dico che poi noi faremo l’azione penale e chissà quello che succede, ma il fatto che già si dica qui dentro di arrivare a fare una denuncia sul penale abbiamo perso tutti. Non è che ha vinto la minoranza e vince la maggioranza, abbiamo perso tutti e trenta. Allora io dico che Roberto Sorci in primis, perché tu sei il capo della Amministrazione e indirettamente, ma direi anche direttamente sei il capo dei trenta Consiglieri Comunali, il Presidente del Consiglio, Peppe non me ne volere, però una marcia in più su questo Consiglio Comunale e su come lo gestisci io credo che dovresti approfondirlo insieme a chi di dovere, c’è la commissione affari istituzionali, ci sono i capigruppo, cioè non si può iniziare sempre il Consiglio Comunale col patema d’animo di andare allo scontro. Questo non è produttivo. Allora la colpa è anche la nostra? Io credo di sì che sia anche la nostra. Anzi, forse la nostra è maggiore degli altri, però io penso che un po’ di buonsenso da parte tua e un po’ di buonsenso da parte del Sindaco che deve prendere chi è che fa queste trascrizioni, chi è che è alla consolle di questo impianto che a questo punto è un impianto fatiscente, però non potete pensare di levare anche i gettoni totali al Consiglio Comunale, alle commissioni e agli Assessori e poi qui abbiamo una serie di macchinari che fanno acqua da tutte le parti. Io questo mi sento di dirlo, non voglio farla lunga, è un invito che vi faccio e sennò ognuno se ne assume le proprie responsabilità.


CONS. ALIANELLO: Rispondo a quello che ha detto il Consigliere Bellucci non perché non sono d’accordo con lui, ma semplicemente perché si parte da un presupposto secondo me errato, ossia gli avvocati servono quando i problemi esistono, gli avvocati non servono prima che il problema si verifica se esiste o meno. Allora prima dobbiamo vedere se esiste un problema, dopodiché l’appello che lei fa a me potrebbe essere anche quello giusto. Io però voglio portare un solo esempio che mi ha riempito di estrema soddisfazione, che è stata la prima riunione di commissione affari istituzionali che è stata fatta lunedì scorso: si è partito con un presupposto sano e degno di chi lavora nel Consiglio Comunale che è quello di lavorare per il bene della città. Devo dire che ho trovato non solo una disponibilità bellissima e graditissima nei confronti della maggioranza, ma altrettanto in quelli della minoranza. Io penso che se tutti quanti facciamo un esame di coscienza e verifichiamo qual è il bene per la città di Fabriano vero, non litigato, non fatto di sole parole, ma di fatti concreti si può andare a gestire bene una città e avere un mandato degno per chi ce lo ha dato.


CONS. GALLI: Ringrazio il Presidente. Credo che le comunicazioni siano un po’ atipiche, però io invece proprio come comunicazione al Consiglio e alla maggioranza nell’ottica di quello che è stato detto sia da Crocetti e dal collega di minoranza Bellucci in modo molto chiaro, i ruoli li conosciamo, sappiamo qual è quello della minoranza, sappiamo quello che è della maggioranza, se problemi nella gestione del Consiglio come quelli che ci sono stati in questi mesi sono dipesi da una cattiva gestione,questo va detto, del Consiglio Comunale, non me ne voglia il Presidente, è un dato oggettivo, legato alla applicazione delle norme del regolamento e alla gestione del Consiglio. Ora io dico un'altra cosa, la politica di minoranza e di maggioranza è legata alla contrapposizione e questo sta nei ruoli, se però ci sono delle situazioni in cui ci sono degli errori secondo me la maggioranza anziché prevaricare e agire con arroganza dovrebbe avere, se vuole, perché a me non sta bene, lo dico sinceramente, il discorso di Crocetti che adesso non ho nemmeno il piacere di avere in aula mentre stiamo parlando, che venga a dire che noi stiamo strumentalizzando il regolamento, le virgole, le pulci, no, e allora io vi dico date dei segnali. Un primo segnale che mi sarei aspettato ma, ahimé, prendo atto che questo segnale non c’è, era di punto in bianco l’annullamento in autotutela delle vostre delibere del 28 settembre. Questo era un atteggiamento dove andavate a riconvocare un Consiglio anziché … (
  1   2   3   4   5   6   7   8

Похожие:

Elenco degli argomenti trattati nella iconElenco degli argomenti trattati nella

Elenco degli argomenti trattati nella iconElenco biblioteca ragazzi presenti nella sede di

Elenco degli argomenti trattati nella iconElenco delle pubblicazioni

Elenco degli argomenti trattati nella iconElenco riviste censite dal

Elenco degli argomenti trattati nella iconThe Giornale degli Economisti

Elenco degli argomenti trattati nella iconNella mia Patria Angelo Casamassima Annovi

Elenco degli argomenti trattati nella iconUnione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti – onlus

Elenco degli argomenti trattati nella iconIl miglior uso del psa nella pratica medica

Elenco degli argomenti trattati nella iconOtranto, International Open Tournament of Serra degli Alimini Matteo Zoldan

Elenco degli argomenti trattati nella iconLa gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo

Разместите кнопку на своём сайте:
Библиотека


База данных защищена авторским правом ©lib.znate.ru 2014
обратиться к администрации
Библиотека
Главная страница