Dell’abbonamento alla rivista di servizio sociale




НазваниеDell’abbonamento alla rivista di servizio sociale
страница37/37
Дата02.10.2012
Размер1.91 Mb.
ТипДокументы
1   ...   29   30   31   32   33   34   35   36   37

Delibera della Giunta Regionale n. 329 del 10/07/2012

A.G.C. 20 Assistenza Sanitaria

Settore 3 Interventi a favore di fasce socio-sanitarie particolarmente 'deboli'

Oggetto dell'Atto:

RECEPIMENTO ACCORDO, AI SENSI DELL'ARTICOLO 9 DEL DECRETO LEGISLATIVO

28 AGOSTO 1997, N. 281, TRA IL GOVERNO, LE REGIONI, LE PROVINCE AUTONOME

DI TRENTO E DI BOLZANO E LE AUTONOMIE LOCALI CONCERNENTE "PRESA IN

CARICO GLOBALE DELLE PERSONE CON MALATTIE NEUROMUSCOLARI O MALATTIE

ANALOGHE DAL PUNTO DI VISTA ASSISTENZIALE". REP. N. 56/CU DEL 25 MAGGIO

2011 (11A07690). G.U. SERIE GENERALE N. 139 DEL 17 GIUGNO 2011

fonte: http://burc.regione.campania.it

n. 44 del 16 Luglio 2012

Alla stregua dell’istruttoria compiuta dal Settore e delle risultanze e degli atti tutti richiamati nelle

premesse che seguono, costituenti istruttoria a tutti gli effetti di legge, nonché dell’espressa

dichiarazione di regolarità della stessa resa dal Dirigente del Settore a mezzo di sottoscrizione

della presente

VISTO il decreto ministeriale 18 maggio 2001, n.279, recante “Regolamento di istituzione della rete

nazionale delle malattie rare e di esenzione alla partecipazione al costo delle relative prestazioni

sanitarie” ai sensi dell'art. 5, comma 1, lettera b) del decreto legislativo 29 aprile 1998, n. 124;

VISTO il D.P.C.M. 29 novembre 2001 di ”Definizione dei Livelli Essenziali di Assistenza”, che indica la

necessità di individuare percorsi diagnostico terapeutici sia per il livello dell'assistenza ospedaliera sia

per il livello dell'assistenza territoriale;

RILEVATO che tra le principali azioni indicate dalla programmazione nazionale è ritenuto prioritario

sviluppare i rapporti tra i presidi della rete, diffondere e consolidare protocolli diagnostici e terapeutici,

promuovere l’integrazione delle competenze per garantire sia un approccio multidisciplinare a

condizione complesse che maggiori possibilità di successo nella ricerca, diffondere nella popolazione le

informazioni anche attraverso le associazioni dei malati e dei loro familiari per garantire una diagnosi ed

una presa in carico tempestiva;

VISTO il Piano Sanitario Regionale 2011-2013, approvato con decreto del Commissario ad acta per la

prosecuzione del Piano di Rientro del settore sanitario n. 22 del 22 Marzo 2011, che tra gli obiettivi

previsti pone il potenziamento della rete regionale, al fine di assicurare continuità assistenziale ed

integrazione degli interventi per uno stesso paziente attraverso la presa in carico globale e percorsi

clinico diagnostici ed assistenziali omogenei, appropriati e condivisi;

PRESO ATTO dell’accordo concernente la “Presa in carico globale delle persone con malattie

neuromuscolari o malattie analoghe dal punto di vista assistenziale” sancito dalla Conferenza Unificata

per i rapporti tra il Governo, le Regioni, le Province Autonome e le Autonomie Locali nella seduta del 25

maggio 2011 (repertorio atti n.56/CU), ai sensi dell'articolo 9, comma 2, lett.c) del decreto legislativo 28

agosto 1997, n.281;

RITENUTO di dover recepire il suddetto Accordo concernente la “Presa in carico globale delle persone

con malattie neuromuscolari o malattie analoghe dal punto di vista assistenziale”, rinviando a successivi

provvedimenti l’adozione delle iniziative di implementazione e monitoraggio delle azioni previste nel

suddetto documento;

VISTI:

_

D.Lgs n. 502 del 30.12.1992 e successive modificazioni recante Riordino della disciplina in materia

sanitaria, a norma dell'art. 1 della legge 23 ottobre 1992, n. 421;

_

il DPR 14/01/1997 - "Approvazione dell’Atto di indirizzo e coordinamento alle Regioni e alle P.A. di

Trento e Bolzano, in materia di requisiti strutturali, tecnici e organizzativi minimi per l’esercizio delle

attività sanitarie da parte delle strutture pubbliche e private";

_

il D.Lgs. n. 229 del 19/06/1999 - Norme per la razionalizzazione del Servizio sanitario nazionale a

norma dell'art 1 della legge 30 novembre 1998, n. 419;

_

Il D.P.C.M. 14 febbraio 2001 “Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni sociosanitarie”

e il D.P.C.M. 29 novembre 2001 “Definizione dei livelli

esenziali di asistenza; fonte: http://burc.regione.campania.it

n. 44 del 16 Luglio 2012

PROPONE e la Giunta a voti unanimi

DELIBERA

Per tutto quanto espresso in premessa, che si ritiene integralmente confermato e trascritto:

1. di recepire l'Accordo sul documento concernente “Presa in carico globale delle persone con malattie

neuromuscolari o malattie analoghe dal punto di vista assistenziale” sancito dalla Conferenza

Unificata per i rapporti tra il Governo, le Regioni, le Province Autonome e le Autonomie Locali, ai

sensi dell'articolo 9, comma 2, lett.c) del decreto legislativo 28 agosto 1997, n.281, nella seduta del

25 maggio 2011 (repertorio atti n.56/CU - G.U. Serie Generale n. 139 del 17 giugno 2011) che

costituisce l’Allegato A del presente atto per formarne parte integrante;

2. di rinviare a successivi provvedimenti l’adozione delle iniziative di implementazione e monitoraggio

delle azioni previste nel documento di cui al punto 1;

3. di inviare il presente provvedimento all’A.G.C. n. 20 Assistenza Sanitaria – Settore Assistenza

Sanitaria, Settore Fasce Deboli e Settore Assistenza Ospedaliera, all’AGC 19 Programmazione

Sanitaria – all’ARSAN ed al Settore Stampa, Documentazione ed Informazione della Giunta

Regionale per la pubblicazione nel B.U.R.C.

fonte: http://burc.regione.campania.it

n. 44 del 16 Luglio 2012


bur n. 72 del 20.7.12

Deliberazione n. 950 del 27/06/2012.
L.R. 28/12/11 Art. 31. Criteri per l'attuazione di progetti regionali a sostegno dell'autonomia scolastica per gli anni 2012 e 2013.

LA GIUNTA REGIONALE

omissis

DELIBERA

- di stabilire i seguenti criteri per l'utilizzo delle risorse finanziarie del Fondo regionale per l'attuazione dei progetti regionali a sostegno dell'autonomia scolastica per gli anni 2012 e 2013. ammontante a $ 220.000,00, nel seguente modo:
1) $ 150.000,00 per il finanziamento di progettazioni intese a favorire la continuità tra la scuola secondaria di primo grado e la scuola secondaria superiore, in base ai criteri descritti nell'allegato A) che è parte integrate e sostanziale della presente deliberazione.
I destinatari dell'intervento sono: reti di scuole pubbliche costituite da Istituti Scolastici Comprensivi relativamente agli studenti frequentanti il triennio della scuola secondaria di primo grado, Scuole Secondarie di Primo grado, Scuole Secondarie di Secondo grado, con la partecipazione di: Centri per l'Impiego, Parti Sociali e Imprese, presenti nel territorio della Regione Marche;
2) $ 30.000,00 per il finanziamento di progettazioni intese a migliorare la qualità della scuola marchigiana, in base ai criteri descritti nell'allegato B) che è parte integrate e sostanziale della presente deliberazione.
I destinatari dell'intervento sono: reti di scuole pubbliche di ogni ordine e grado presenti nel territorio della Regione Marche;
3) $ 40.000,00 per il finanziamento di progettazioni intese a incentivare e promuovere la didattica museale, in base ai criteri descritti nell'allegato C) che è parte integrate e sostanziale della presente deliberazione.
I destinatari dell'intervento sono: Musei scientifici e tecnologici presenti nel territorio della Regione Marche;
- di rinviare a successivo atto della P.F. Istruzione, Formazione Integrata, Diritto allo Studio e Controlli di Primo Livello, l'adozione delle modalità attuative per la rendicontazione dei progetti, liquidazione e revoche di cui ai punti 1), 2) e 3) sopra descritti;
- di autorizzare la Dirigente della P.F. Istruzione, Formazione Integrata, Diritto allo Studio e Controlli di Primo Livello ad adottare i successivi atti per l'attuazione della presente delibera;
- di stabilire che l'eventuale disponibilità residua per ciascuna linea di intervento può essere resa disponibile per altra linea;
- di disporre la pubblicazione del presente atto nel Bollettino Ufficiale della Regione Marche.

Deliberazione n. 961 del 27/06/2012.
L.R. 28/2011, Art. 3 comma 3 Fondo regionale anticrisi e Art. 4 comma 3 - Fondo regionale straordinario per gli interventi prioritari - Definizione criteri e modalità di utilizzo delle risorse finalizzate a sostenere le "spese per integrazione di finanziamenti di interventi in campo sociale".

LA GIUNTA REGIONALE

omissis

DELIBERA

1. Di utilizzare il Fondo regionale straordinario per gli interventi prioritari e più in particolare le risorse finalizzate a sostenere le "spese per integrazione di finanziamenti di interventi in campo sociale" per le seguenti finalità:
a) $ 1.120.200,00 per l'intervento di cui all'art. 3 della L.R. 28/2011 e più in particolare per i contributi di solidarietà per i nuclei familiari, con lavoratori disoccupati, residenti nelle Marche previsti dalla DGR n. 1628/2011;
b) $ 50.002,80 per le misure di accompagnamento necessarie all'erogazione dei contributi di solidarietà per i nuclei familiari, con lavoratori disoccupati, residenti nelle Marche;
c) $ 200.000,00 per il Progetto umanitario Ematologia anno 2012;
d) $ 100.000,00 per gli interventi di contrasto dell'esclusione sociale e della povertà estrema e più in particolare per finanziare gli interventi già individuati dalla DGR n. 1119/2011 e non impegnati nel corso dell'anno 2011;
e) $ 84.179,00 per il sostegno dei diritti e dell'integrazione dei cittadini stranieri immigrati e più in particolare per finanziare gli interventi già individuati dalla DGR n. 1510/2011 e non impegnati nel corso deI"anno 2011;
f) $ 199.500,00 per le azioni di supporto ai minori fuori dalla famiglia di origine e più in particolare per finanziare gli interventi di cui alla DGR n. 767/2007 e non impegnati nel corso
dell'anno 2011;
g) $ 189.000,00 per le azioni in favore di soggetti adulti e minorenni sottoposti a provvedimenti dell'Autorità Giudiziaria e più in particolare agli interventi di cui alla DGR n. 1485/2011 e non impegnati nel corso dell'anno 2011;
2. Di individuare i criteri e le modalità relativi all'utilizzo Fondo regionale anticrisi anno 2012 di cui al precedente punto 1 lettera a) secondo quanto indicato nell'allegato A alla presente deliberazione e di autorizzare il Dirigente della PF Finanziamenti a soggetti pubblici e privati in ambito sociale ad approvare lo specifico bando pubblico per la concessione dei contributi regionali con le connesse procedure applicative e la relativa modulistica;
3. Di stabilire che alle risorse di cui al precedente punto 1 lettera d) si applicano i medesimi i criteri e le medesime modalità di utilizzo riportati nella DGR n. 1119/2011;
4. Di stabilire che alle risorse di cui al precedente punto 1 lettera e) si applicano i medesimi i criteri e le medesime modalità di utilizzo riportati nella DGR n. 1510/2011;
5. Di stabilire che alle risorse di cui al precedente punto 1 lettera f) si applicano i medesimi i criteri e le medesime modalità di utilizzo riportati nella DGR n. 767/2007;
6. Di stabilire che alle risorse di cui al precedente punto 1 lettera g) si applicano i medesimi i criteri e le medesime modalità di utilizzo riportati nella DGR n. 1485/2011;
7. Di stabilire che le risorse che residuano sul Fondo regionale per integrazione di finanziamenti di interventi in campo sociale saranno destinate attraverso successive apposite delibere della Giunta Regionale
La copertura finanziaria del presente atto, per la somma complessiva di $ 1.942.881,80 è garantita dalle

Deliberazione n. 985 del 03/07/2012.
Individuazione delle somme da destinare agli interventi di cui all'Art. 26 della L.R. 25 gennaio 2005, n. 2 ed indicazione dei criteri e delle modalità operative per la concessione dei relativi contributi per complessivi $.652.000,00 attraverso l'utilizzo del fondo regionale per l'occupazione dei disabili.

LA GIUNTA REGIONALE

omissis

DELIBERA


1) Di destinare la somma complessiva di $ 652.000,00 prelevabili dal fondo regionale per l'occupazione dei disabili di cui art. 26 Legge Regionale n. 2 del 25/01/2005 Norme regionali per l'occupazione, la tutela e la qualità del lavoro, per gli interventi e gli importi indicati nell'allegato 1 che costituisce parte integrante e sostanziale al presente atto;
2) Di approvare, secondo quando indicato negli Allegati 1 e 2, parti integranti e sostanziali al presente atto, i criteri e le modalità operative per la valutazione tecnico finanziaria dei progetti che saranno presentati a seguito di successivo avviso pubblico per la concessione di contributi relativi ad interventi a favore di soggetti disabili;
3) Il Dirigente della P.F. Servizi per l'Impiego e Mercato del Lavoro Crisi occupazionali e produttive, provvede all'eventuale destinazione di somme residue non utilizzate in uno o più interventi, comunque ricompresi tra quelli indicati nell'allegato 1 che costituisce parte integrante e sostanziale al presente atto;
4) La copertura finanziaria della spesa derivante dal presente atto pari a $. 652.000,00 è garantita dalla disponibilità esistente sul capitolo di spesa 32007101 UPB 32007 del bilancio regionale 2012 correlato al capitolo di entrata 30102001;


Deliberazione della Giunta regionale 28 giugno 2012, n. 1199

LR 7/2000, art 26 - Riordino di organi collegiali presso l’Amministrazione

regionale.

LAALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1199 DEL 28 GIUGNO 2012

ELENCO ORGANI COLLEGIALI INDISPENSABILI ANNO 2012

DIREZIONE CENTRALE ISTRUZIONE, UNIVERSITA’, RICERCA, FAMIGLIA,

ASSOCIAZIONISMO E COOPERAZIONE

- Comitato regionale del volontariato (artt. 3, 4, 5 LR 12/1995)

- Comitato di gestione del Fondo speciale per il volontariato (L 266/1991 - art. 13 LR 12/1995)

- Consulta regionale per il servizio civile regionale e solidale (art. 4 LR 11/2007)

- Commissione permanente per l’insegnamento della lingua friulana (art. 13 c. 4 LR 29/2007)

- Conferenza regionale per il diritto e le opportunità allo studio universitario (art. 6 c. 3 LR 12/2005)

- Commissione regionale per la cooperazione (artt.11, 12 e 13 LR 27/2007)

- Comitato regionale tecnico consultivo per la cooperazione sociale (art. 12 LR 20/2006)

- Consulta regionale per le famiglie (art. 19 LR 11/2006)

- Comitato consultivo in materia di interventi per i centri di aggregazione giovanile (art. 16 c. 6 LR 12/2007-

art. 34 LR 5/2012)

- Commissione valutazione progetti giovani (art. 15 c. 3 e 4 LR 12/2007 - art. 34 LR 5/2012)
1   ...   29   30   31   32   33   34   35   36   37

Похожие:

Dell’abbonamento alla rivista di servizio sociale iconDell’abbonamento alla rivista di servizio sociale

Dell’abbonamento alla rivista di servizio sociale iconAttn: cliccando direttamente, o con invio+ctrl, si perviene alla voce voluta tra quelle dell’Indice

Dell’abbonamento alla rivista di servizio sociale iconEventuali variazioni, intervenute successivamente alla data di redaizone della presente Guida, saranno consultabili presso IL sito ufficiali dell’Università

Dell’abbonamento alla rivista di servizio sociale icon1. Organico assegnato e altri collaboratori alla ricerca afferenti alla struttura

Dell’abbonamento alla rivista di servizio sociale icon1. Organico assegnato e altri collaboratori alla ricerca afferenti alla struttura

Dell’abbonamento alla rivista di servizio sociale icon1. Organico assegnato e altri collaboratori alla ricerca afferenti alla struttura

Dell’abbonamento alla rivista di servizio sociale icon1. Organico assegnato e altri collaboratori alla ricerca afferenti alla struttura

Dell’abbonamento alla rivista di servizio sociale iconPercorsi alternativi alla guerra e alla violenza dall’antichità a oggi

Dell’abbonamento alla rivista di servizio sociale iconDeliberazioni dell’ufficio di presidenza dell’assemblea legislativa regionale

Dell’abbonamento alla rivista di servizio sociale iconAbbonamento Collana / Titolo / Numero

Разместите кнопку на своём сайте:
Библиотека


База данных защищена авторским правом ©lib.znate.ru 2014
обратиться к администрации
Библиотека
Главная страница