Dell’abbonamento alla rivista di servizio sociale




НазваниеDell’abbonamento alla rivista di servizio sociale
страница1/37
Дата02.10.2012
Размер1.91 Mb.
ТипДокументы
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   37




Care lettrici e cari lettori,

l’ISTISS prosegue anche per tutto il 2012 la pubblicazione di PANORAMA LEGISLATIVO che rappresenta un utile strumento di conoscenza in ordine allo svolgimento delle politiche sociali nel nostro paese.

Tale strumento di conoscenza, oltremodo faticoso ed impegnativo per chi lo redige, è pubblicato in modo assolutamente gratuito sul sito ISTISSS: www.istisss.it .

Al fine di sostenere lo sforzo e l’impegno che sta dietro alla redazione di PANORAMA LEGISLATIVO, si richiede pertanto la sottoscrizione dell’abbonamento alla RIVISTA DI SERVIZIO SOCIALE, che rappresenta l’unica fonte di riferimento per dare continuità al tema delle problematiche connesse allo svolgimento dell’attività professionale degli operatori sociali, con puntuali aggiornamenti e approfondimenti specifici.

La Rivista è disponibile a pubblicare testimonianze ed articoli degli operatori sociali (“buone pratiche”) in base alla valutazione del Comitato scientifico

L’abbonamento annuale è:

  • di 40 euro per gli Enti (Comuni, Province, Regioni Consorzi, Enti Assistenza sociale, IPAB, ASP, ASL, INAIL, INPS e relative sedi decentrate, Università, Istituti Professionali di servizio sociale, ecc.

  • di 38 euro per operatori singoli;

  • di 25 euro per studenti di Istituti Professionali di servizio sociale, iscritti al corso si Laurea di Servizio Sociale, Sociologia, Educatori Professionali, Psicologia, Laurea Specialistica in MASSIFE, ecc. (NB: Occorre indicare nella causale il Corso di Laurea e il numero di matricola)

l’Abbonamento decorre da qualsiasi mese e dà diritto alla ricezione dei quattro volumi della Rivista.

NB
Per coloro che procurano 10 abbonamenti viene rilasciato un abbonamento gratuito!


Il conto corrente è il seguente: 41135005 Intestato a: LA RIVISTA DI SERVIZIO SOCIALE


In occasione della denuncia dei redditi 2012, Vi ricordiamo che è possibile destinare senza alcun aggravio di tasse o di spesa, da parte dei contribuenti, il 5 per mille all’ ISTISSS in quanto ONLUS per lo svolgimento delle attività istituzionali.

Pertanto, se ritenete, potete sostenere l’ISTISSS con questa semplice operazione:


Indicare nell’apposita casella il Codice fiscale dell’ISTISSS: 00898470588 ed apporre la firma (pag. 2 della dichiarazione)




PANORAMA LEGISLATIVO ISTISSS INTERROMPE LA PUBBLICAZIONE NEL MESE DI AGOSTO.

RIPRENDERÀ A SETTEMBRE


PANORAMA STATALE

Gazzette Ufficiali pervenute al 31 LUGLIO 2012, arretrati compresi


BILANCIO


MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

COMUNICATO

Conto riassuntivo del tesoro al 31 marzo 2012 - Situazione del bilancio dello Stato e Situazione trimestrale dei debiti pubblici. (12A05651) (GU n. 164 del 16-7-2012  - Suppl. Straordinario)

COMUNICATO

Conto riassuntivo del Tesoro al 30 aprile 2012 - Situazione del bilancio dello Stato (12A06695) (GU n. 168 del 20-7-2012  - Suppl. Straordinario)


DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 maggio 2012

Indirizzi operativi ai fini del contenimento della spesa pubblica. (12A08161) (GU n. 170 del 23-7-2012 )

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Visto l'art. 95, primo comma, della Costituzione, che affida al

Presidente del Consiglio dei Ministri la direzione e la

responsabilita' della politica generale del Governo, garantendo

l'unita' di indirizzo politico amministrativo e il coordinamento

dell'attivita' dei Ministri;

Vista la legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni,

recante disciplina dell'attivita' di Governo e ordinamento della

Presidenza del Consiglio dei Ministri;

Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 286, recante

riordino e potenziamento dei meccanismi e strumenti di monitoraggio e

valutazione dei costi, dei rendimenti e dei risultati dell'attivita'

svolta dalle amministrazioni pubbliche, a norma dell'art. 11 della

legge 15 marzo 1997, n. 59;

Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 303, recante

ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri, a norma del

citato art. 11;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 12 dicembre 2006,

n. 315, che dispone il riordino del Comitato tecnico scientifico per

il controllo strategico nelle amministrazioni dello Stato;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio in data 1° marzo

2011, recante disposizioni sull'ordinamento delle strutture generali

della Presidenza del Consiglio, e successive modificazioni;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica in data 16

novembre 2011, con il quale il professor Dino Piero Giarda e' stato

nominato Ministro senza portafoglio e successivamente delegato, tra

l'altro, con decreto del Presidente del Consiglio in data 13 dicembre

2011, ad esercitare le funzioni di impulso, coordinamento,

monitoraggio, verifica e valutazione, nonche' ogni altra funzione

attribuita al Presidente del Consiglio dei Ministri in relazione

all'attuazione e all'aggiornamento del programma di Governo, con

particolare riferimento all'analisi e allo studio per il riordino

della spesa pubblica;

Ritenuto di dover emanare una direttiva di indirizzo per garantire

che l'intera attivita' amministrativa dell'Esecutivo si sviluppi in

un contesto coerente con il programma di Governo;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella

riunione del 30 aprile 2012;

Sulla proposta del Ministro per i rapporti con il Parlamento;

E m a n a

la seguente direttiva:

Premessa.

Nell'attuale situazione economica il Governo ritiene necessario un

intervento volto alla riduzione della spesa pubblica per un importo

complessivo di 4,2 miliardi per l'anno 2012, al quale tutte le

amministrazioni pubbliche devono concorrere.

Allo scopo si rende necessaria un'incisiva azione tesa alla

riduzione dei flussi di spesa pubblica e alla riorganizzazione delle

attivita' e che miri ai seguenti obiettivi:

una piu' efficiente erogazione dei servizi;

l'eliminazione degli sprechi;

la definizione delle linee di attivita' ritenute prioritarie

nell'attuale congiuntura e la conseguente eliminazione delle altre;

la realizzazione di economie di bilancio.

La presente direttiva disciplina il contributo che le

amministrazioni centrali sono tenute a prestare per il raggiungimento

dell'obiettivo di riduzione sopra indicato. In tale contesto ciascun

Ministro riconosce l'attivita' di revisione della spesa (spending

review) come prioritaria dell'azione di Governo.

Organizzazione del processo di spending review.

Per il coordinamento generale delle attivita' e' costituito il

Comitato interministeriale per la revisione della spesa, presieduto

dal Presidente del Consiglio e composto dal Ministro per il programma

di Governo, dal Ministro per la pubblica amministrazione e la

semplificazione, dal Viceministro dell'economia e delle finanze e dal

Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

I componenti del Comitato si avvalgono allo scopo delle strutture

istituite presso le rispettive Amministrazioni, della collaborazione

del Commissario straordinario per la razionalizzazione della spesa

per acquisti di beni e servizi e dei nuclei di analisi e valutazione

della spesa, di cui all'art. 39 della legge 31 dicembre 2009, n. 196.

Le amministrazioni pubbliche assicurano la massima collaborazione

fornendo le informazioni e i dati in possesso, nonche' il supporto

tecnico necessario.

Oggetto dell'attivita' di revisione della spesa.

L'attivita' di revisione della spesa di ogni amministrazione dovra'

in particolare concentrarsi su:

a. revisione dei programmi di spesa e dei trasferimenti,

verificandone l'attualita' e l'efficacia ed eliminando le spese non

indispensabili e comunque non strettamente correlate alle missioni

istituzionali;

b. ridimensionamento delle strutture dirigenziali esistenti,

anche in conseguenza della riduzione dei programmi di spesa;

c. razionalizzazione delle attivita' e dei servizi offerti sul

territorio e all'estero, finalizzata all'abbattimento dei costi e

alla migliore distribuzione del personale, anche attraverso

concentrazioni dell'offerta e dei relativi uffici;

d. riduzione, anche mediante accorpamento, degli enti strumentali

e vigilati e delle societa' pubbliche;

e. riduzione in termini monetari della spesa per acquisto di beni

e servizi anche mediante l'individuazione di responsabili unici della

programmazione della spesa, nonche' attraverso una piu' adeguata

utilizzazione delle procedure espletate dalle centrali di acquisto ed

una piu' efficiente gestione delle scorte;

f. ricognizione degli immobili in uso; riduzione della spesa per

locazioni, assicurando il controllo di gestione dei contratti;

definizione di precise connessioni tra superficie occupata e numero

degli occupanti;

g. ottimizzazione dell'utilizzo degli immobili di proprieta'

pubblica anche attraverso compattamenti di uffici e amministrazioni;

h. restituzione all'Agenzia del demanio degli immobili di

proprieta' pubblica eccedenti i fabbisogni;

i. estensione alle societa' in house dei vincoli vigenti in

materia di consulenza;

l. eliminazione, salvi i casi eccezionali riferibili per esempio

a rapporti con Autorita' estere, di spese di rappresentanza e spese

per convegni;

m. proposizione di impugnazioni avverso sentenze di primo grado

che riconoscano miglioramenti economici progressioni di carriera per

dipendenti pubblici, onde evitare che le stesse passino in giudicato.

Ciascun Ministro, con la collaborazione della struttura di supporto

istituita con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in

data odierna, propone un progetto contenente sia gli interventi di

revisione e riduzione della spesa atti a generare i risparmi

previsti, sia misure di razionalizzazione organizzativa e di

risparmio per gli esercizi futuri. I progetti devono essere

presentati entro il 31 maggio 2012.

Il Presidente del Consiglio dei Ministri assume, anche in assenza

delle proposte, le conseguenti determinazioni.

Roma, 3 maggio 2012


EDILIZIA


ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

COMUNICATO

Indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, relativi al mese di giugno 2012, che si pubblicano ai sensi dell'art. 81 della legge 27 luglio 1978, n. 392 (Disciplina delle locazioni di immobili urbani), ed ai sensi dell'art. 54 della legge del 27 dicembre 1997, n. 449 (Misure per la stabilizzazione della finanza pubblica). (GU n. 166 del 18-7-2012 )


Gli indici dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e

impiegati relativi ai singoli mesi del 2011 e 2012 e le loro

variazioni rispetto agli indici relativi al corrispondente mese

dell'anno precedente e di due anni precedenti risultano:

Indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai

e impiegati (FOI), al netto dei tabacchi, che si pubblica ai sensi

dell'art. 81 della legge 27 luglio 1978, n. 392, sulla disciplina

delle locazioni di immobili urbani ultimati dopo il 31 dicembre 1975

(Tabella 1).

Tabella 1 - Indice dei prezzi al consumo per le famiglie di

operai e impiegati, al netto dei tabacchi, del mese di giugno degli

anni 1978-2012 in base giugno 1978=100


| Anni | Indici | Variazioni percentuali rispetto |

| e mesi | | al corrispondente periodo |

|=======================|=========|================|================|

| | | dell'anno | di due anni |

| | | precedente | precedenti |

|=======================|=========|================|================|

| |(Base | |

| |2010=100)| |

|========|==============|=========|================|================|

| 2011

|--------|--------------|---------|----------------|----------------|

| | Giugno | 102,6 | 2,7 | 4,1 |

----------|---------|----------------|----------------|

| | Luglio | 102,9 | 2,7 | 4,4 |

|--------|--------------|---------|----------------|----------------|

| | Agosto | 103,2 | 2,8 | 4,3 |

|--------|--------------|---------|----------------|----------------|

| | Settembre | 103,2 | 3,0 | 4,6 |

|--------|--------------|---------|----------------|----------------|

| | Ottobre | 107,6 | 3,2 | 5,0 |

|--------|--------------|---------|----------------|----------------|

| | Novembre | 103,7 | 3,2 | 5,0 |

|--------|--------------|---------|----------------|----------------|

| | Dicembre | 104,0 | 3,2 | 5,1 |

|--------|--------------|---------|----------------|----------------|

| | Media | 102,7 | |

|========|==============|=========|================|================|

| 2012 | Gennaio | 104,4 | 3,2 | 5,4 |

|--------|--------------|---------|----------------|----------------|

| | Febbraio | 104,8 | 3,3 | 5,6 |

|--------|--------------|---------|----------------|----------------|

| | Marzo | 105,7 | 3,2 | 5,8 |

|--------|--------------|---------|----------------|----------------|

| | Aprile | 105,7 | 3,2 | 5,9 |

|========|==============|=========|================|================|

| | Maggio | 105,6 | 3,0 | 5,8 |

| | Giugno | 105,8 | 3,1 | 6,0 |


ENTI LOCALI


MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

COMUNICATO

Avviso di adozione da parte dei comuni di regolamenti disciplinanti tributi propri (12A07630) (GU n. 164 del 16-7-2012 )


Giustizia


LEGGE 28 giugno 2012, n. 110










Ratifica ed esecuzione della Convenzione penale sulla corruzione, fatta a Strasburgo il 27 gennaio 1999. (12G0128) (GU n. 173 del 26-7-2012 )
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   37

Похожие:

Dell’abbonamento alla rivista di servizio sociale iconDell’abbonamento alla rivista di servizio sociale

Dell’abbonamento alla rivista di servizio sociale iconAttn: cliccando direttamente, o con invio+ctrl, si perviene alla voce voluta tra quelle dell’Indice

Dell’abbonamento alla rivista di servizio sociale iconEventuali variazioni, intervenute successivamente alla data di redaizone della presente Guida, saranno consultabili presso IL sito ufficiali dell’Università

Dell’abbonamento alla rivista di servizio sociale icon1. Organico assegnato e altri collaboratori alla ricerca afferenti alla struttura

Dell’abbonamento alla rivista di servizio sociale icon1. Organico assegnato e altri collaboratori alla ricerca afferenti alla struttura

Dell’abbonamento alla rivista di servizio sociale icon1. Organico assegnato e altri collaboratori alla ricerca afferenti alla struttura

Dell’abbonamento alla rivista di servizio sociale icon1. Organico assegnato e altri collaboratori alla ricerca afferenti alla struttura

Dell’abbonamento alla rivista di servizio sociale iconPercorsi alternativi alla guerra e alla violenza dall’antichità a oggi

Dell’abbonamento alla rivista di servizio sociale iconDeliberazioni dell’ufficio di presidenza dell’assemblea legislativa regionale

Dell’abbonamento alla rivista di servizio sociale iconAbbonamento Collana / Titolo / Numero

Разместите кнопку на своём сайте:
Библиотека


База данных защищена авторским правом ©lib.znate.ru 2014
обратиться к администрации
Библиотека
Главная страница