Lo scopo del Notiziario Europeo è di fornire al lettore una panoramica delle principali novità riguardanti l’attività delle Istituzioni dell’Unione Europea e di casaliguria




Скачать 140.35 Kb.
НазваниеLo scopo del Notiziario Europeo è di fornire al lettore una panoramica delle principali novità riguardanti l’attività delle Istituzioni dell’Unione Europea e di casaliguria
страница1/4
Дата27.09.2012
Размер140.35 Kb.
ТипДокументы
  1   2   3   4


[1 Novembre – 30 Novembre]


La Liguria in Europa: www.casaliguria.org




Lo scopo del Notiziario Europeo è di fornire al lettore una panoramica delle principali novità riguardanti l’attività delle Istituzioni dell’Unione Europea e di CASALIGURIA.


Saremo lieti di ricevere le vostre richieste d’informazioni, di chiarimenti o d’approfondimenti sulle notizie riportate, alle seguenti coordinate:


Regione Liguria - Sede di Bruxelles

CASALIGURIA, Rue du Luxembourg 15, B-1000 Bruxelles

Tel. +322 289 13 89 - Fax +322 289 13 99 - e-mail: info@casaliguria.org


Le fonti principali del Notiziario Europeo sono:

  • Agence Europe (Bollettino quotidiano europeo)

  • Rapid (a cura del servizio Stampa e Comunicazione della Commissione europea)

http://europa.eu./rapid/



AGENDA EUROPEA


Parlamento Europeo

Sessione Plenaria: 2° settimana di Novembre (Bruxelles)

4° settimana di Novembre (Strasburgo)


Commissioni:


Commissione per gli affari esteri: 4-5,10 16-18 Novembre

Sotto-commissione per i diritti dell’uomo: 9 Novembre

Sotto-commissione per la sicurezza e la difesa: 16-17 Novembre

Commissione per lo sviluppo: 9-10 Novembre

Commissione per il commercio internazionale: 9-10 Novembre

Commissione per i bilanci: 16-18 Novembre

Commissione per il controllo dei bilanci: 3-4,10 Novembre

Commissione per i problemi economici e monetari: 10 Novembre

Commissione per l’occupazione e gli affari sociali: 4-5 Novembre

Commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare: 3,5 Novembre

Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia: 9-10 Novembre

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori: 4-5,16 Novembre

Commissione per i trasporti e il turismo: 9-10 Novembre

Commissione per lo sviluppo regionale: 3-4 Novembre

Commissione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale: 9-10 Novembre

Commissione per la pesca: 3-4 Novembre

Commissione per la cultura e l’istruzione: 10 Novembre

Commissione giuridica: 10 Novembre

Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni: 4-5,12 Novembre

Commissione per gli affari costituzionali: 3,12 Novembre

Commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere: 4,30 Novembre

Commissione per le petizioni:

Commissione speciale crisi finanziaria ed economica: 4,10 Novembre


Consiglio UE

CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA: Presidenza della Svezia (1°Luglio – 31 Dicembre)


Consiglio Europeo informale: 19 Novembre

Consiglio Affari Economici e Finanziari: 10 Novembre

Consiglio Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori: 30 Novembre-1 Dicembre

Consiglio Ambiente: 23 Novembre

Consiglio Giustizia e Affari Interni: 30 Novembre-1 Dicembre

Consiglio Affari Generali e Relazioni Esterne: 16-17 Novembre

Consiglio Istruzione, Gioventù e Cultura: 26-27 Novembre

Consiglio Agricoltura e Pesca: 20 Novembre


Comitato delle Regioni

Sessione Plenaria: 3-4 Dicembre


Commissione CONST (Affari Costituzionali): 13 Novembre

Commissione ECOS (Economia e Sociale): 18 Novembre

Commissione COTER (Coesione Territoriale): 20 Novembre

Commissione RELEX (Relazioni Esterne): 27 Novembre

Commissione EDUC (Cultura e Istruzione): 11 Dicembre

Commissione DEVE (Sviluppo Sostenibile): 14 Dicembre


CASA LIGURIA


Il nostro staff ha partecipato/organizzato:


04/11/2009 Conferenza sul futuro della Politica Europea di Coesione in occasione del quinto anniversario dell’ingresso della Polonia nell’Unione.


06/11/2009 Riunione rete ERRIN (ricerca ed innovazione) presso la sede della Regione Ranstad.


09/11/2009 Riunione presso l’Ufficio della Regione Catalogna per il follow-up sugli Open Days 2009.


12/11/2009 Riunione delle Regioni italiane presso la Rappresentanza Permanente per discutere in merito agli sviluppi nel campo dell’Agricoltura.


17/11/2009 Incontro a Casaliguria con due funzionari della Commissione Europea per discutere in merito al futuro del Bilancio UE. Presenti anche le regioni Lombardia, Veneto, Catalogna, Provence-Alpes-Côte d’Azur e Rhône-Alpes.


18/11/2009 Convegno d’autunno con la presenza di numerosi esperti sul tema della crisi finanziaria organizzato dall’ Associazione “Amici Banca Monte Paschi Belgio.“.


18/11/2009 Conferenza organizzata dalla Città di Turku (Finlandia), Capitale Europea della Cultura 2011, sulla cooperazione macro-regionale e sull’esperienza della Strategia del Baltico.


19/11/2009 Ciclo “Conferenze di Mezzogiorno” presso la sede della Regione Veneto con un END della DG Ambiente dal titolo: “Emissioni industriali e protezione dello strato di ozono”.


20/11/2009 Conferenza alla presenza del Commissario Tajani sul futuro dei trasporti e sul libro verde TEN-T.


AFFARI ECONOMICI E COMMERCIO


03/11/2009, Bruxelles - Secondo le previsioni d'autunno della Commissione, l'Unione europea uscirà dalla crisi nella seconda metà di quest'anno, sebbene il PIL dovrebbe subire un calo di circa il 4% nel complesso per il 2009. Si attende una ripresa graduale e le previsioni del PIL sono in crescita: ¾ di punto percentuale nel 2010 e +1½% circa nel 2011. La ripresa delle attività a breve termine è dovuta ai miglioramenti del contesto esterno e delle condizioni finanziarie, nonché alle significative misure di politica monetaria e di bilancio messe in atto. In seguito, una serie di fattori potrebbe frenare la domanda del settore privato e di conseguenza limitare il vigore della ripresa. In particolare, le condizioni del mercato del lavoro rimangono difficili: il tasso di disoccupazione nell'Unione europea dovrebbe raggiungere il 10¼%. Anche il disavanzo pubblico dovrebbe aumentare, raggiungendo il 7½% del PIL nel 2010, prima di diminuire leggermente nel 2011 quando l'economia si riprenderà e le misure temporanee saranno gradualmente abbandonate.

Previsioni economiche d’autunno UE:

http://europa.eu/rapid/pressReleasesAction.do?reference=IP/09/1663&format=HTML&aged=0&language=IT&guiLanguage=fr


12/11/2009, Bruxelles - Conformemente ai poteri di sorveglianza in materia di bilancio che le sono conferiti dal trattato UE, la Commissione europea ha proposto al Consiglio di fissare al 2013 il termine per la correzione dei disavanzi eccessivi per Austria, Repubblica ceca, Germania, Slovacchia, Slovenia, Paesi Bassi e Portogallo. Per il Belgio e l'Italia, che nel 2009 avranno anche un disavanzo superiore al 3%, le dimensioni comparativamente limitate dei disavanzi e l'esistenza di un elevato rapporto debito/PIL impongono la fissazione di un termine più vicino, al 2012. La Commissione ha anche valutato se Grecia, Spagna, Francia, Irlanda e Regno Unito abbiano dato "seguito effettivo" alle raccomandazioni formulate dal Consiglio nello scorso aprile. Essa propone che il Consiglio concluda che la Grecia non ha dato seguito effettivo. Per gli altri quattro paesi, si può concludere che essi hanno dato seguito effettivo, ma che il deterioramento della situazione economica, rispetto alle previsioni di gennaio della Commissione, giustifica una revisione delle raccomandazioni formulate e una proroga del termine di un anno, al 2013 per Francia e Spagna, al 2014 per l'Irlanda e all'esercizio finanziario 2014-2015 per il Regno Unito.

Procedure disavanzi eccessivi:

http://europa.eu/rapid/pressReleasesAction.do?reference=IP/09/1694&format=HTML&aged=0&language=IT&guiLanguage=fr


17/11/2009, Lussemburgo - La ripresa delle esportazioni ha avuto fatto si che la zona euro abbia registrato un'eccedenza commerciale in settembre; è quanto confermano i dati pubblicati martedì 17 novembre da Eurostat. Secondo le prime stime per il mese di settembre 2009, la zona euro ha registrato un'eccedenza del commercio estero di 3,7 miliardi di euro con il resto del mondo, rispetto a un deficit di 6 miliardi nel settembre 2008. In agosto, il saldo era di -2,3 miliardi, contro -10,8 miliardi nell'agosto 2008. Nel settembre 2009 rispetto all'agosto 2009, le esportazioni sono aumentate del 5,5% e le importazioni dell'1,1%. Per l'UE nell'insieme, il saldo degli scambi UE per il mese di settembre 2009 mostra in compenso un deficit di 11,2 miliardi di euro, contro -24,5 miliardi nel settembre 2008. Nell'agosto 2009, il saldo era di -12,0 miliardi, contro 28,5 miliardi nell'agosto 2008. Nel settembre 2009 rispetto ad agosto 2009, le esportazioni sono aumentate del 3,4% e le importazioni del 2,2%.

Bilancia commerciale UE:

http://epp.eurostat.ec.europa.eu/portal/page/portal/eurostat/home/


AGRICOLTURA


24/11/2009, Bruxelles - La Commissione europea ha pubblicato il piano di aiuti alimentari per gli indigenti per il 2010. Originariamente attuato per cedere alle persone bisognose le eccedenze di prodotti agricoli ("scorte di intervento"), il sistema è stato modificato a metà degli anni novanta per consentire, in alcune circostanze, di completare le scorte di intervento con acquisti sul mercato. Quest'anno, tuttavia, le eccedenze (cereali, zucchero, latte in polvere e burro) hanno ampiamente coperto i bisogni individuati nel piano per il 2010, pertanto sarà sufficiente un ricorso ridotto agli acquisti sul mercato. Il bilancio assegnato, 500 milioni di euro, corrisponde a quello del piano per il 2009. Quest'anno 19 Stati membri hanno deciso di prendere parte al programma. Mariann Fischer Boel, commissaria per l'agricoltura e lo sviluppo rurale, ha dichiarato in merito al programma: "Si tratta di un aiuto concreto dell'Unione europea a favore di una parte delle persone più svantaggiate della nostra società, pertanto è essenziale che venga attuato in maniera corretta affinché i prodotti siano effettivamente distribuiti a chi ne ha bisogno".

Piano aiuti alimentari:

http://europa.eu/rapid/pressReleasesAction.do?reference=IP/09/1779&format=HTML&aged=0&language=IT&guiLanguage=fr


26/11/2009, Bruxelles - Il Comitato per lo Sviluppo rurale ha approvato una seconda ondata di proposte di utilizzo dei finanziamenti previsti dal Piano europeo di ripresa economica e dall’Health Check della PAC, presentate dagli Stati membri e dalle Regioni per fronteggiare nel quadro dello sviluppo problemi cruciali come la rapida ripresa dell’Unione dalla crisi economica e i cambiamenti climatici. Finora è già stata modificata quasi la metà dei programmi di sviluppo rurale, attraverso i quali sarà concesso o rafforzato il sostegno agli investimenti nella banda larga, nella lotta ai cambiamenti climatici, a favore delle energie rinnovabili e della ristrutturazione del settore lattiero-caseario. Le decisioni prese finora rappresentano una somma di 1600 milioni di euro supplementari che vanno ad aggiungersi a un bilancio dello sviluppo rurale di oltre il 90 miliardi di euro per il periodo di programmazione 2007 2013. La dotazione supplementare residua sarà programmata nei prossimi mesi. Questo il commento della commissaria per l’Agricoltura e lo Sviluppo rurale Mariann Fischer Boel: “L’attuale situazione economica e ambientale richiede interventi, non solo nelle città ma anche nelle campagne. A livello europeo abbiamo preso iniziative risolute e multiformi. La “Valutazione dello stato di salute della PAC” e il Piano europeo di ripresa economica hanno reso disponibili nuove risorse finanziarie per far fronte a problemi urgenti quali la ristrutturazione del settore lattiero-caseario e la lotta ai cambiamenti climatici. Ora spetta agli Stati membri e alle regioni utilizzare questo denaro in maniera oculata.”

Finanziamenti PAC:

http://europa.eu/rapid/pressReleasesAction.do?reference=IP/09/1813&format=HTML&aged=0&language=IT&guiLanguage=fr


AFFARI SOCIALI


09/11/2009, Bruxelles - Secondo un nuovo sondaggio d’opinione pubblicato oggi dalla Commissione europea, 1 persona su 6 in Europa dichiara di essere stata vittima di discriminazioni durante l’anno scorso. Il 64% dei cittadini europei è inoltre preoccupato perché la recessione contribuirà a maggiori discriminazioni dovute all’età sul mercato del lavoro. Questi recenti risultati dell’Eurobarometro precedono il vertice europeo di quest’anno sull’uguaglianza (Stoccolma, 16 - 17 novembre p.v.). “La discriminazione è un problema in tutta Europa; il modo in cui la gente lo percepisce è sostanzialmente stabile rispetto allo scorso anno" ha detto Vladimír Špidla, commissario per le pari opportunità. “Un aspetto preoccupante è la percezione che, a causa della recessione, la discriminazione dovuta all’età stia aumentando.” E ha aggiunto: “Questi risultati dimostrano che nonostante innegabili progressi, c’è ancora parecchio da fare nel campo dell’educazione ai diritti sulla parità di trattamento, soprattutto a livello nazionale, e affinché “parità” non sia solo una parola vuota, ma una realtà”.

Cittadini UE e discriminazione:

http://europa.eu/rapid/pressReleasesAction.do?reference=IP/09/1686&format=HTML&aged=0&language=IT&guiLanguage=fr


25/11/2009, Bruxelles - L'attuale crisi si fa sentire sui mercati del lavoro UE e provoca l'inversione di gran parte della crescita occupazionale realizzata a partire dal 2000: queste sono le conclusioni cui giunge la relazione sull'occupazione in Europa 2009 appena pubblicata. Gli uomini, i giovani, i lavoratori meno qualificati e quelli con contratto temporaneo sono stati i più colpiti dalla contrazione dell'occupazione. L'occupazione nell'UE si è ridotta di più di 4 milioni di posti di lavoro a partire dall'inizio della crisi, anche se l'effetto è stato in qualche modo mitigato grazie al ricorso a orari di lavoro ridotti e ad altre soluzioni. Ma queste misure a breve termine, per quanto importanti, non sono di per sé sufficienti per assicurare un'opportuna uscita dalla crisi. Le politiche dell'occupazione devono essere concentrate sulla preparazione della transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio. Vladimír Špidla, Commissario UE responsabile per l'occupazione, gli affari sociali e le pari opportunità, ha affermato: "Questa relazione dimostra quanto sia importante conciliare la nostra risposta di breve termine alla crisi con le nostre riforme strutturali di lungo respiro. Queste riforme sono essenziali per far sì che l'economia e i mercati del lavoro dell'UE escano dall'attuale recessione pronti ad affrontare le sfide del futuro, in particolare quelle legate al passaggio ad un'economia a basse emissioni di carbonio."
  1   2   3   4

Похожие:

Lo scopo del Notiziario Europeo è di fornire al lettore una panoramica delle principali novità riguardanti l’attività delle Istituzioni dell’Unione Europea e di casaliguria iconDell'economia e delle finanze

Lo scopo del Notiziario Europeo è di fornire al lettore una panoramica delle principali novità riguardanti l’attività delle Istituzioni dell’Unione Europea e di casaliguria iconSulla origine delle specie per elezione naturale, ovvero conservazione delle razze perfezionate nella lotta per l'esistenza

Lo scopo del Notiziario Europeo è di fornire al lettore una panoramica delle principali novità riguardanti l’attività delle Istituzioni dell’Unione Europea e di casaliguria iconSalone Internazionale dell'Edilizia e delle Costruzioni

Lo scopo del Notiziario Europeo è di fornire al lettore una panoramica delle principali novità riguardanti l’attività delle Istituzioni dell’Unione Europea e di casaliguria iconRelazione sull’aggiornamento del sito rapirete e delle iniziative attivate o in via di attivazione

Lo scopo del Notiziario Europeo è di fornire al lettore una panoramica delle principali novità riguardanti l’attività delle Istituzioni dell’Unione Europea e di casaliguria iconI stefania Caterina e IL suo messaggio
«fino a un certo punto» mentre «in questo percorso delle anime offerte si va fino ad Adamo, si scende fino ai limiti dell’inferno...
Lo scopo del Notiziario Europeo è di fornire al lettore una panoramica delle principali novità riguardanti l’attività delle Istituzioni dell’Unione Europea e di casaliguria iconAgenda europea parlamento Europeo

Lo scopo del Notiziario Europeo è di fornire al lettore una panoramica delle principali novità riguardanti l’attività delle Istituzioni dell’Unione Europea e di casaliguria iconA cura di
«Slavia», «Slavica Tergestina», ma fondamentale è stato IL contributo di quanti hanno fatto pervenire le segnalazioni delle loro...
Lo scopo del Notiziario Europeo è di fornire al lettore una panoramica delle principali novità riguardanti l’attività delle Istituzioni dell’Unione Europea e di casaliguria iconOggetto: Formazione Funzioni Obiettivo: partecipazione ai progetti definiti a livello territoriale ai sensi del comma 6 dell’art. 14 del ccni del 31 1999

Lo scopo del Notiziario Europeo è di fornire al lettore una panoramica delle principali novità riguardanti l’attività delle Istituzioni dell’Unione Europea e di casaliguria iconElenco delle pubblicazioni

Lo scopo del Notiziario Europeo è di fornire al lettore una panoramica delle principali novità riguardanti l’attività delle Istituzioni dell’Unione Europea e di casaliguria iconLiceo delle scienze sociali

Разместите кнопку на своём сайте:
Библиотека


База данных защищена авторским правом ©lib.znate.ru 2014
обратиться к администрации
Библиотека
Главная страница