Elenco degli argomenti trattati nella




Скачать 332.78 Kb.
НазваниеElenco degli argomenti trattati nella
страница3/10
Дата23.01.2013
Размер332.78 Kb.
ТипДокументы
1   2   3   4   5   6   7   8   9   10
intervento fuori microfono) Presidente, c’è il Sindaco che disquisisce su delle cose che non c’entrano assolutamente niente per il semplice motivo di distogliere quella che è la nostra mozione. Presidente, possiamo passare alla votazione.


PRESIDENTE: No, perché ci deve essere un oratore a favore e uno contro. Però io vorrei che il Segretario generale ci desse l’indicazione se questa trova riscontro con i lavori del Consiglio Comunale di oggi, perché non mi sembra, o la pregiudiziale o la mozione d’ordine tende a non far trattare un argomento che è posto all’ordine del giorno, invece qui si dice di trattare altri argomenti. Quindi il Segretario Generale dovrebbe pronunciarsi in merito.


SEGRETARIO: La proposta è irrituale, perché l’articolo 27 del regolamento del funzionamento del Consiglio Comunale recita al comma 4: “E' questione pregiudiziale la proposta di non discutere o non deliberare un oggetto all'ordine del giorno o una parte di esso”. Il Consiglio Comunale ha approvato una delibera regolarmente e quindi la questione pregiudiziale è irrituale, perché qui all’ordine del giorno non c’è la salvaguardia degli equilibri di bilancio o il riconoscimento di debiti fuori bilancio. Tini, ti spiego perché è irrituale. Qui c’è una delibera approvata regolarmente, quindi se volete fare questo o revocate la delibera, cioè non si può discutere di una cosa già approvata. Proceduralmente o la delibera la revocate e mi dovete pure spiegare come la revocate quando c’è un termine di legge che dice il 30 settembre, quindi revocando la delibera ve ne assumete tutti la responsabilità perché la salvaguardia degli equilibri di bilancio è un termine perentorio e deve essere approvata entro il 30 settembre. Poi potete fare quello che volete, il mio punto di vista è questo qui.


PRESIDENTE: Consigliere Tini, illustri la cosa.


CONS. TINI: No, io sono d’accordo col Segretario. Io devo rispondere al Segretario un secondo solo. Lo spirito di questa questione pregiudiziale, chiamiamola così, o mozione d’ordine è proprio questo, ossia i Consiglieri Comunali che non sono stati presenti, non sono potuti essere presenti nel momento della discussione e votazione degli argomenti del 28, loro con questa mozione chiedono, ecco perché è attinente, che prima di procedere alla discussione dell’ordine del giorno, non è che non si deve discutere quello che sta all’ordine del giorno di oggi, noi chiediamo questo e poi se la maggioranza non è d’accordo fa come le pare, mica ci sono problemi. Noi chiediamo per correttezza politica, qui non è un fatto legale, con tutto il rispetto degli avvocati presenti a me gli avvocati più stanno lontano e più sono contento, non sono uno che muore di avvocati. Qui la questione è politica, la supremazia della politica sui cavilli che diceva prima giustamente Crocetti, che io sono d’accordo.


PRESIDENTE: Consigliere Tini.


CONS. TINI: Non posso parlare?


PRESIDENTE: No, nonostante tutto io chiedo che un oratore la esponga a favore e uno contro e la mettiamo ai voti. Il Consigliere Galli ha la parola per l’intervento a favore su questa questione pregiudiziale.

CONS. GALLI: Per quanto riguarda la questione io ho già illustrato i motivi che possono condurre l’Amministrazione e devono condurre il Consiglio in autotutela ad accogliere la mozione affinché la questione venga ridiscussa nel Consiglio Comunale con il rispetto delle norme del regolamento. Noi abbiamo sì fatto una disquisizione lunghissima su questa questione, ma secondo me questo nasce proprio, ripeto, da errori nella gestione del Consiglio Comunale che sono facilmente rilevabili e che vengono fuori praticamente dai nastri che sono stati registrati. Esce fuori in modo molto chiaro che nella precedente seduta il Presidente non solo di fronte ad una mozione sospensiva non consente di farla illustrare uno a favore e uno contro, dunque applicando il regolamento, ma autosospende per problemi credo suoi personali in relazione all’intervento del Consigliere D’Innocenzo l’intervento del medesimo, anzi non lo consente, e dispone la sospensione. Un riascoltare la cassetta ci darà la possibilità di dimostrare che era semplicemente una sospensione. Di fronte alla sospensione, a quel punto senza essere state le modalità, i tempi per la ripresa, la norma è molto semplice e a prescindere che il regolamento del Comune di Fabriano sul punto nulla dica si va a riconvocare la seduta del Consiglio. Su questo punto il 28 settembre, se poi ripeto si vuole agire per prevaricazione anche delle norme, piuttosto che di fronte a un errore che è capitato la cosa più semplice è quello di ammetterlo, applicare le regole, riconvocare un Consiglio Comunale nei termini previsti e anche nel rispetto delle esigenze della funzione pubblica. Qui passa il concetto che la minoranza voglia solo impedire lo svolgimento dell’attività. No, qui deve passare il concetto che la minoranza vuole il rispetto delle regole. Quando voi rispetterete le regole noi faremo il nostro ruolo di minoranza anche nel merito. Se queste regole non vengono rispettate è chiaro che il clima si inasprisce e le situazioni diventano difficili. D’altronde, prima ho sentito gli interventi, io non è che mi … che il mio ruolo di avvocato lo faccia Claudio o quant’altro però le nostre competenze le abbiamo, ognuno di noi valuterà il caso come ritiene opportuno. Io ho trovato un precedente che nell’esprimere la mozione, addirittura vi fornisco come elemento di contraddittorio il caso che si è verificato il 28 si è già verificato una precedente volte, il TAR su questo ha già deciso, potrebbe decidere in modo diverso ma adesso risulta a noi che sia l’unico precedente giurisprudenziale e il caso è specifico, identico. Io non ho problemi, a differenza di quello che faccio in aula, a dirvi chiaramente il riferimento, c’è un precedente specifico che dice: qualora la seduta è sospesa essendo la sospensione un atto intermedio la seduta praticamente terminata e deve essere riconvocata dal Consiglio, TAR Toscana del 92, l’unico caso specifico. Però la scelta che abbiamo capito è quella ad oltranza di compiere gli atti, di farli lo stesso, io vi ho chiesto in questa seduta, però vedo che è abbastanza difficile, di agire con l’autotutela, di ragionare. Bellucci aveva dato anche un consiglio valido, incontriamoci, discutiamo le questioni, piuttosto che andare al muro contro muro perché diamo sicuramente un segnale sbagliato ma non noi ma anche voi, perché sennò qui sembra che sia unilaterale di come svolgere i lavori in aula. Ribadisco che il Presidente del Consiglio non deve essere di maggioranza, deve – lo ricordiamo ai sensi dell’art. 18 – essere di tutela dei Consiglieri di maggioranza e di minoranza e doveva avere coraggio, un semplice coraggio di umiltà, dire ho sbagliato me ne assumo le responsabilità e riconvoco il Consiglio. Però dato che è Presidente di maggioranza allora si va avanti nonostante i rischi e pericoli che una minoranza inficia gli atti, questo non va bene assolutamente. Poi dopo siamo tutti bravi a fare dialettica, a dire che è strumentale da parte della minoranza, che invece la maggioranza dice le regole della democrazia, io inviterei il Consigliere Vergnetta a valutare bene le sue affermazioni, a valutarle e ponderarle di più. Se poi vuole replicare ha il microfono e può parlare, perché questa è democrazia, però non dica cavolate, almeno quelle che ritengo tali. Dunque insisto affinché … (intervento fuori microfono) guardi, quando dice che non è democrazia, democrazia è parlare, dire quello che uno pensa, poterlo esternare al microfono davanti a tutti e che tutti possano ascoltare. Io questo ritengo sia democrazia e sia molto meno democrazia quando invece si risponde fuori microfono. Se dice la verità la dica al microfono, la sostenga. Ribadisco dunque questi sono i motivi che sorreggono la mozione, noi facciamo come minoranza un atto di richiamo, l’abbiamo già fatto però credo che la maggioranza ne sia sorda, poi dopo ognuno farà le strade sue, invitando il Presidente per primo ad assumersi le responsabilità qualora commetta errori.


PRESIDENTE: Il Consigliere Bonafoni per l’intervento contro.


CONS. BONAFONI: Io parlo per la maggioranza e quindi dico da subito che a questa mozione noi voteremo contro. Noi voteremo contro, avvocato. Lei ho visto che, le do del lei perché ci conosciamo da poco, ma ci daremo anche del tu … (intervento fuori microfono) Ho visto che veramente il Consigliere Galli, perché condivido quello che ha detto prima Emanuele, ha lavorato e mi ha detto che la sera anche tardi era andato a vedere su internet per vedere se c’erano stati casi simili e ne aveva trovato uno mi pare che poi ha citato adesso. Noi però, Galli, abbiamo anche noi un avvocato all’interno del Consiglio Comunale che è il Direttore e Segretario. Il Segretario ha dato il suo parere e coloro che erano presente in Consiglio Comunale si sono attenuti e abbiamo proseguito la seduta. Voi siete stati invitati a rientrare, qualcuno è entrato e ha preso la parola come nel caso di Tini e come nel caso di Latini, anche Mezzopera, quindi avete fatto un po’ dentro fuori. D’Innocenzo non ha visto l’ora di andare via perché aveva da fare … (intervento fuori microfono) Lascia perdere il fatto personale. Poi vedo che la mozione l’ha firmata anche Carmenati che non era presente alla seduta. Quindi il nostro voto sarà contrario.


PRESIDENTE: Metto in votazione la questione pregiudiziale come illustrata dal Consigliere Gentili, con l’intervento a favore del Consigliere Galli e dell’intervento contro del Consigliere Bonafoni.


VOTAZIONE


FAVOREVOLI: 11 (Gentili, Mezzopera, D’Innocenzo, Urbani, Mingarelli D., Tini, Bellucci, Galli, Sforza, Ottaviani, latini)

CONTRARI: 18

ASTENUTI: 1 (Mingarelli G.)


PRESIDENTE: La questione pregiudiziale è stata respinta.



PRESIDENTE: Diamo inizio all’ora delle interpellanze e interrogazioni. Sono le ore 16.55. Interpellanza presentata dal gruppo Forza Italia sul muro di Via Ramelli. La illustra il Consigliere D’Innocenzo.


CONS. D’INNOCENZO: Se il mio amico Sandro Romani conosce l’interpellanza, per recuperare tempo, possiamo andare direttamente alla risposta. La leggi perché te l’ho inviata per posta, te l’ho mandata pure per e-mail e aspetto direttamente la risposta. Ripeto solo se intendete provvedere immediatamente alla ripulitura del muro potando le piante cresciute sulla parete o essiccando le stesse per sempre, e se intende data la propria responsabilità oggettiva del Comune operare un intervento di ristrutturazione del muro stesso. Vedo che c’è un errore di battitura, comunque a di là di tutto è tutto ricollegabile ad una interpellanza che abbiamo fatto un paio di anni addietro dove l’ex Assessore mi garantì a primavera sistemo tutto, mi disse a primavera sistemo tutto, ma dimenticò di dirmi l’anno. Prego, Assessore Romani, le concedo facoltà di rispondere.


PRESIDENTE: Relaziona l’Assessore Romani.


ASS. ROMANI: Il compagno Romani risponde. … (intervento fuori microfono) ero stato chiamato in causa con il titolo, purtroppo sbagliato, a ognuno il suo. Io come l’Assessore Mingarelli cambio stagione e dico … (intervento fuori microfono) chiedo scusa per aver chiamato in causa, allora qui si passa da un Assessore all’altro così con facilità, ok. Comunque come Silvestrini io cambio stagione e dico non che con l’inverno risolveremo il problema, ma quantomeno con l’inverno riusciremo a capire la vera entità del problema in quanto nel mese di maggio c’è stato un sopralluogo fatto dal geometra Lesti del Comune e dall’agronomo Leporoni per verificare quello che si è verificato, la presenza di una notevole vegetazione lungo il muro. Vegetazione che vista anche la situazione del muro stesso non ottimale va un attimo verificata, perché con ogni probabilità non si potrà fare il discorso dell’essiccazione, se era poi possibile, di cui facevi presente nella interpellanza, anzi forse è il caso di verificare se quelle radici che sono sicuramente presenti in maniera abbondante lungo il muro possano servire per tenere in essere la situazione adesso come è adesso nell’attesa di fare un intervento risolutivo, nel momento in cui si reperiranno anche i soldi per essere chiari. Però tutto questo potrà avvenire nel momento in cui questa vegetazione viene meno. Adesso con la fase invernale, si pensava verso la metà, la fine di novembre di andare a verificare - una volta cadute tutte le foglie e la vegetazione – lo stato attuale del muro e della vegetazione che sta intorno, che al momento ripeto serve per tenere in essere la situazione così come è. Mi riservo fra un paio di mesi, un Consiglio prima della fine dell’anno, di far presente la situazione del muro.


CONS. D’INNOCENZO: Sono soddisfatto della risposta dell’Assessore Romani, anche se di fatto non è che mi abbia risposto, però abbiamo preso tempo, capiamo che i tempi della politica sono più lunghi di quelli normali perché la situazione da 3-4 anni noi la poniamo all’attenzione di questo Consiglio Comunale, comunque accettiamo di buon grado le buone intenzioni dell’Assessore e ci riserviamo di aspettare tra 2-3 mesi la risposta anche perché le soluzioni sono due: o tagliamo le piante oppure le essicchiamo e però dobbiamo ristrutturare il muro perché le radici si sono insinuate, si sono infiltrate, non so il termine tecnico all’interno del muro, e sono diventate parte portante dello stesso che quindi comprendiamo bene la situazione. Comunque, già il fatto che sia stato preso in esame ci garantisce nel nostro compito di opposizione. Grazie.



PRESIDENTE: Interpellanza presentata dal gruppo Forza Italia sul cavalcavia che collega Viale IV Novembre e Via 13 Martiri di Kindù. La illustra il Consigliere D’Innocenzo.


CONS. D’INNOCENZO: Anche per questa possiamo fare la stessa cosa, c’è un ponte che già oggetto di interpellanza in passato ove sono stati sospesi i lavori. Era stato fatto un bando e poi sembra che la ditta abbia avuto dei problemi e poi adesso ci illustrerà bene Sandro Romani quello che è successo. Aspettiamo la risposta dell’Assessore per poi fare la nostra dichiarazione.


ASS. ROMANI: In questo caso ci sono stati dei ritardi su quel ponte, è inutile nasconderlo, l’abbiamo visto. Purtroppo la ditta che aveva vinto l’appalto dopo 10 giorni per ragioni che fanno parte dell’essere del vivere quotidiano ha abbandonato tutto ed è tornata a casa. Nei tempi più congrui possibili si è provveduto a un ulteriore appalto, mi sembra che sia sotto gli occhi di tutti il fatto che i lavori stanno andando avanti abbastanza speditamente e credo che a brevissimo il ponte sarà fruibile, ce l’abbiamo sotto gli occhi. Per quanto riguarda la seconda richiesta, la pericolosità di quel tratto di strada non nego che ci sia una certa pericolosità, si corre abbastanza, però è pur vero che qui quando parliamo di semafori intelligenti credo che debba essere l’Amministrazione intelligente a non metterli … (fine lato B – cassetta 1) intelligenti per risolvere un po’ il problema e evitare di spendere molti soldi. Il sottoscritto non è per punire, ma è per cercare di far capire e quindi invitare la gente a percorrere in questo caso determinati tratti di strada alla velocità che deve essere consentita. Comunque, c’è in mente, non dico no a questo, qualche intervento in maniera che quel tratto di strada venga percorso in maniera un po’ più intelligente e quindi un po’ più piano.


CONS. D’INNOCENZO: Ringrazio l’Assessore Romani. Certo qualche dubbio su queste gare di appalto ce l’abbiamo, l’abbiamo sollevato in passato, tu magari non eri presente in Amministrazione però queste gare di appalto, si predispone una gara, vince una ditta e dopo 10 giorni va a gambe per aria, come si suol dire, c’è qualcosina che secondo me andrebbe rivisto anche nel modo come formulare le gare di appalto. Chi ha buone orecchie intenda. La seconda questione, costa un sangue il semaforo intelligente, lo so che costa un sangue ma riuscissimo a salvare una vita recupereremmo tutto il sangue che abbiamo speso. … (
1   2   3   4   5   6   7   8   9   10

Похожие:

Elenco degli argomenti trattati nella iconElenco degli argomenti trattati nella

Elenco degli argomenti trattati nella iconElenco biblioteca ragazzi presenti nella sede di

Elenco degli argomenti trattati nella iconElenco delle pubblicazioni

Elenco degli argomenti trattati nella iconElenco riviste censite dal

Elenco degli argomenti trattati nella iconThe Giornale degli Economisti

Elenco degli argomenti trattati nella iconNella mia Patria Angelo Casamassima Annovi

Elenco degli argomenti trattati nella iconUnione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti – onlus

Elenco degli argomenti trattati nella iconIl miglior uso del psa nella pratica medica

Elenco degli argomenti trattati nella iconOtranto, International Open Tournament of Serra degli Alimini Matteo Zoldan

Elenco degli argomenti trattati nella iconLa gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo

Разместите кнопку на своём сайте:
Библиотека


База данных защищена авторским правом ©lib.znate.ru 2014
обратиться к администрации
Библиотека
Главная страница