La stampa Italiana, dalla Liberazione alla crisi di fine secolo




Скачать 100.73 Kb.
НазваниеLa stampa Italiana, dalla Liberazione alla crisi di fine secolo
страница1/3
Дата27.12.2012
Размер100.73 Kb.
ТипДокументы
  1   2   3
Murialdi

La stampa Italiana, dalla Liberazione alla crisi di fine secolo


I

IL RITORNO DELLA LIBERTA’

1. Nel Regno del Sud

Il ritorno della libertà in Italia dopo il sanguinoso ventennio fascista avviene in tempi diversi.

Si avvia un sistema di ricostituzione di un sistema libero dei media.

I primi quotidiani che trattano l’Italia liberata dal fascismo escono a Caltanissetta e a Palermo nel 1943, con i titoli “La Sicilia” e “Sicilia liberata”.

La ressa nelle edicole era enorme, i primi quotidiani andavano a ruba.

Il 6 Agosto riprende a funzionare anche Radio Palermo, operando, però, ancora sotto controllo della Pwb.

Si susseguono, poi, diversi quotidiani calabresi come la “Calabria liberata” che ha l’esclusiva del bollettino delle operazioni belliche, e “La Nuova Calabria”. Continuano, però, a persistere restrizioni e autorizzazioni non sempre concesse che limitano la libertà dei media. Nell’Italia liberata, il primo quotidiano democristiano è “Voce della Calabria” diretto da Filippo Rizzo.

Nel frattempo Badoglio firma il “lungo armistizio” nel 1943 il cui il Regno del Sud viene a conoscenza delle condizioni politiche ed economiche a cui deve sottostare la penisola italiana durante l’occupazione alleata. Con esso vengono sospese tutte le leggi fasciste sulla stampa ma ancora non si arriva alla libertà di espressione vincolata dalle autorizzazioni del comando alleato. Da quest’ultimo dipendono anche la distribuzione della carta, dell’inchiostro, la disponibilità degli impianti tipografici che, ultimamente, scarseggiano.

Nel mese di Ottobre, al Sud vi è un lento ritorno alla libertà per i partiti e per i giornali, mentre a nord della linea di combattimento, l’occupazione fascista è totale e a Salò nasce il secondo fascismo ma persiste il movimento di resistenza.

In questi primi mesi di libertà i partiti, ancora vincolati dalle limitazioni imposte dagli Alleati, sono costretti, a volte, a diffondere i loro bollettini semiclandestinamente.

All’inizio del 1944 gli Alleati trasferiscono al governo italiano i poteri amministrativi, tra cui quello di concedere la pubblicazione i settimanali e periodici, anche se non siamo ancora alla completa libertà.

Il “Risorgimento” è il quotidiano più importante e più diffuso del Regno del Sud.

A Napoli emergono anche fermenti reazionari come emerge da “Il Giorno”, settimanale monarchico, che oltre a difendere Casa Savoia, anticipa i temi del qualunquismo.

Quando questi quotidiani iniziano a diffondersi, Roma è già liberata.

I

2. La vampata di Roma

Quando i carri armati entrano nella città il 4 Giugno, Roma si ritrova subito in un vortice di giornali.

I quotidiani sono di due pagine, costano 50 centesimi inizialmente, e 1 lira successivamente, la carta e la stampa sono scadenti e molti vengono diffusi con mezzi di fortuna.

Il Pwb prende possesso degli uffici del ministero della Cultura popolare e preparano in mezza giornata l’uscita del loro giornale “Il Corriere di Roma” che va a ruba come tutti gli altri. Il Pwb deve affrontare il problema della violazione degli impegni presi degli Alleati. Inoltre, ordina il censimento delle scorte di carta e d’inchiostro facendo, così, un appello il cui gli scrittori venivano esortati ad usarne di meno. Successivamente tale appello viene ripetuto e la carta viene definita come le munizioni. Il problema di tutto ciò era che a Nord di Roma la guerra continuava.

Si diffonde notevolmente “Il Tempo” destinato a diventare in Italia l’unico quotidiano apparso nei giorni della Liberazione che sopravvive. Esso nasce dalla collaborazione di Renato Angiolillo con Leonida Repaci. Il primo, aveva una forte passione per la scrittura oltre che idee molto chiare e grande determinazione. Angiolillo per pagare le prime spese relative al suo giornale mette in vendita persino i gioielli di famiglia. Inizialmente sono presenti sia l’accenno al giornale di Cavour, sia la dizione “giornale socialdemocratico che nel corso delle edizioni scompaiono entrambi. Il Cln chiede la soppressione di questo giornale il quale viene sospeso ma poi ottiene nuovamente le autorizzazioni necessarie alla pubblicazione degli altri numeri.

Compare in questo periodo anche il primo quotidiano dichiaratamente di destra e monarchico “L’Italia nuova”.

Il quadro della stampa romana si allarga sempre di più. In questo periodo i giornali più diffusi superano i quantitativi di carta previsti che gli vengono concessi da quelli meno diffusi i quali vendono il loro surplus. Inoltre, si procede con il mercato nero.

Nel 1944 sul “Corriere di Roma” riappaiono i programmi dei teatri, dei cinema, gli annunci economici, le recensioni dei libri e delle mostre d’arte.

La Federazione nazionale della stampa italiana, soppressa dal fascismo si riafferma tra il 1943 e il 1944. La composizione del Consiglio è unitaria in quanto sono rappresentate tutte le forze politiche. Alla Commissione viene affidato un compito molto difficile: l’epurazione. Infatti la fedina politica dei giornalisti era molto varia: si andava dal fascista accanito a quello che aveva firmato solo per paura, all’antifascista e così via. La Federazione intraprende la via della pacificazione generale favorendo la restaurazione invece del rinnovamento.

Nel 1944 le pagine dei giornali sono occupate dalle notizie politiche: la lotta accanita sui problemi che dividono lo schieramento fascista e le vicende di Firenze.

Il Comitato toscano assume la gestione de “La Nazione del popolo”. Sospeso in seguito alla richiesta degli Alleati ma presto ritornato a pubblicare. Anche la radio di Firenze ottiene una certa autonomia.

Il 26 novembre il governo entra in crisi e Bonomi lancia un siluro al Cln in seguito al quale in governo viene ricomposto.

Nel 1944 “Il Tempo” vede la rottura di Angiolillo e Repaci.

Nel 1945 i costi salgono e non bastano più poche lire e mezzi di fortuna per mandare avanti un giornale. Si affiancano ai quotidiani i settimanali.

Luigi Barzini junior tenta di avvicinare il pubblico ai problemi economici e finanziari con “Il Globo” che ha molto successo.

Si diffonde “L’Uomo qualunque” di Guglielmo Giannini che darà origine ad un movimento caratteristico del dopoguerra. Inserisce nel suo giornale il trafiletto autobiografico io cui si descrive così: “io sono quello che non crede più a niente e a nessuno”. Egli interpreta uno stato d’animo già esistente ma non espresso. Giannini ha molto successo con il suo settimanale “L’Uomo qualunque”. Successivamente commetterà un errore politico che lo porterà alla sospensione del suo giornale e, poi, alla sua immediata ripresa di pubblicazione.

Avviene il passaggio di mano del giornale del Pwb, “Il Corriere di Roma”, sostituito da “il Giornale del Mattino”.

Viene, inoltre, costituita, a Roma, un’agenzia nazionale di informazione.


I

3. I giornali della Liberazione nelle città del Nord

Nell’Italia settentrionale durante il periodo fascista e della Repubblica di Salo, il percorso dei media è sicuramente differente rispetto a quello del meridione. Sono numerosi i problemi e gli ostacoli che limitano la stampa e la libertà di espressione ottenuta in altre regioni seppur inizialmente vincolata da autorizzazioni.

A Nord hanno sede i maggiori quotidiani fascisti e non si parla più di rinnovamento o restaurazione ma di rinnovamento o rivoluzione.

In questo periodo ottiene molto prestigio il “Corriere della Sera”, andando a ruba nonostante la richiesta di soppressione da parte delle sinistre.

Sorge “Il Nuovo Corriere” ma dopo la pubblicazione del suo primo numero a una lira, è destinato ad essere soppresso.

Nel settentrione la stampa di partito va sicuramente a ruba ma non raggiunge certamente i picchi ottenuti nella città di Roma perché a Nord le forze politiche che premono al fianco degli Alleati riescono ad imporsi ben presto.

E’ noto inoltre il “Corriere Lombardo”, in cui sono riportate numerose fotografie di belle donne ma anche di cronaca nera, i cui testi scorrono velocemente, i cui titoli sono brillanti e in cui vengono fatte rivelazioni riguardanti il regime fascista.

A Torino, dove la Resistenza si era manifestata più evidentemente, mostra il suo disaccordo verso le testate compromesse con il fascismo. Nel resto del settentrione il problema non trova soluzioni univoche.

II

REPUBBLICA E COSTITUZIONE

1. Lo scontro Repubblica-Monarchia

Si svolgono le elezioni, dopo più di venti anni, senza incidenti. I quotidiani trattano soprattutto di politica. Protagonisti sono Togliatti, Nenni e De Gasperi.

Il 1946 in cui la situazione economica è molto difficile, è un anno di intense polemiche. Inoltre, si gettano le basi per la futura Guerra fredda che segnerà il dopoguerra.

In questo periodo sono noti sia la disoccupazione sia il problema della ricostruzione industriale.

L’evento che caratterizza il 1946 è la votazione Monarchia o Repubblica.

In questo clima numerosi giornali nascono e scompaiono in tempi molto brevi, infatti, non si è in grado di stabilire quanti siano i quotidiani usciti nel dopoguerra, si pensa attorno ai 150.

In questo periodo si rafforza lo schieramento giornalistico della destra e del centro mentre si indebolisce quello della sinistra.

Una novità nota avviene a Bologna, dove il “Giornale dell’Emilia” viene venduto a industriali tra il 1945 e il 1946.

Borsa, direttore del “Corriere”, invita i lettori a votare Repubblica contestando il “salto nel buio”. Il 5 giugno può annunciare che la vittoria della Repubblica è sicura.

Dopo il referendum la situazione politica non riesce ancora a stabilizzarsi.

Ad agosto Borsa esce dal “Corriere” ed il nuovo direttore diviene Guglielmo Emanuel il quale non aveva mantenuto l’impegno di non cambiare nulla in redazione ma aveva, invece, riassunto giornalisti legati al fascismo e alla monarchia. Emanuel, come aveva già detto a Borsa, voleva dare al “Corriere” l’indirizzo opposto rispetto a quello dato da Borsa.

I quotidiani, quindi, in mezzo a tanta politica, cercano di dare spazio anche alla cronaca nera e a quella giudiziaria.


II

2. La Carta costituzionale e la legge sulla stampa

L’Assemblea costituente nel 1946 affronta il problema della libertà di stampa, argomento molto discusso.

In questo periodo i principali partiti che si affermano sono la Dc e il Pci.

Viene elaborata la Carta costituzionale.

Pio XII esprime le sue perplessità e paure sul concedere, in questo caso alla stampa, troppa libertà.

De Gasperi, quindi, cerca di mediare tra queste posizioni. Vengono, così, abolite le restrizioni sulla stampa ma quest’ultima doveva essere morale e non offendere il patrimonio religioso e morale italiano.

De Gasperi vuole estromettere dal governo socialisti e comunisti.

Si discute anche sull’accertamento della provenienza delle informazioni che giungono ai giornalisti e sulle fonti finanziarie. Il primo argomento viene bocciato mentre per il secondo la legge può accertarsene, anche se quest’ultima è una formula molto vaga. Viene trattata anche la stampa pornografica ed il provvedimento preso è quello che sia difeso e rispettato il buoncostume.

La Costituente provvede con una legge stralcio ma quella definitiva sarà emanata dal Parlamento della Repubblica.

La legge del 1948 abolisce ogni forma di autorizzazione, aggrava le pene per diffamazione ecc…

In questi primi anni di libertà il progresso per il giornalismo passa attraverso un ordinamento liberale ma con regole ben precise, basato sull’accertamento delle fonti di finanziamento, sui costi della carta e sul contratto di lavoro.


II

3. I giochi sono fatti

I vecchi quotidiani compromessi con il fascismo hanno riottenuto i loro stabilimenti e le loro testate.

La maggior parte del giornalisti non sono “puri” ovvero esercitano anche altri mestieri.

In questo contesto emergono anche le proposte fatte dagli Alleati a gruppi di giornalisti di collaborare a nuove testate e le conseguenti rinunce di questi ultimi.

L’unità della categoria diventa un problema unanime e molto discusso, si considera, quindi, aperta a tutti tale attività ma solo i giornalisti professionisti iscritti all’Albo potevano esercitare le funzioni tecnico-professionali dei quotidiani.

Comunque sia, in questi primi anni di libertà, le innovazioni in ambito giornalistico sono ben poche. Gli editori scelgono come direttori giornalisti già collaudati. A differenze degli editori dei settimanali, quelli dei quotidiani mirano principalmente al mercato politico.

In questo periodo nasce e si diffonde il “pastone”, elaborato da Enrico Mattei.Esso consiste nello scrivere un articolo ibrido in cui sono mischiate notizie ad opinioni, infatti, il lettore non può più distinguere le due cose. Questo è considerato da molti un elemento negativo in quanto i lettori hanno il diritto di leggere le notizie ovvero i fatti oggettivi e farsene una propria opinione. Il “pastone” comunque viene adottato da tutti i quotidiani.

Un altro elemento negativo nei quotidiani è l’articolo di fondo molto lungo e ricco di informazioni e riferimenti incomprensibili a molti.

Ultimo elemento negativo dei quotidiani è la chiamata dei letterati fatta dai direttori per far colpo sul pubblico.

Una novità dei quotidiani sono le testate del pomeriggio.

Il “Corriere Lombardo” e il “Corriere di Milano” cercano di portar via dei lettori al “Corriere della Sera” che, invece, aveva ripreso la sua posizione dominante.

Il “Corriere della Sera” è conformista, ha una tradizione di credibilità, un pubblico fedele, è ricco di servizi all’estero, è compilato con ordine e scrupolo e spiega con grande affidabilità la storia americana.

Indro Montanelli diviene ben presto il più letto giornalista italiano, attore brillante che intrattiene il lettore con un linguaggio chiaro e un tono a volte scanzonato a volte drammatico.

I settimanali, al contrario, mostrano quelle novità che gli daranno a breve un grande successo.

Nonostante gli effetti della Guerra Fredda e del culto di Stalin, il Pci mostra comunque interesse verso l’ambito culturale.

Ne deriva un giornalismo scarsamente fattuale a causa della legge monca sulla stampa, dei molti giornalisti non professionisti e del contrasto tra tradizionalismo e dinamismo.

III

UNA STAMPA SCHIERATA

1. Il 18 aprile: bianchi e rossi

Le elezioni politiche del 1948 coinvolgono tutta la stampa. Vi è quindi lo scontro tra la Dc e ilo Fronte democratico popolare. Nascono, così in questo periodo periodici e quotidiani destinati a durare ben poco. Il Fronte viene battuto e la Dc ottiene la maggioranza assoluta. De Gasperi preferisce non governare da solo ma dare origine ad un’alleanza con il Psli, Pri, Pli che risulterà poi una copertura.

Si consolida la divisione netta dei giornali che durerà fino a metà degli anni Cinquanta. In questo periodo periodici, quotidiani e radio riflettono specialmente la situazione politica.

Nel 1949 vi è l’ingresso dell’Italia nel Patto atlantico, il blocco sovietico di Berlino, la vittoria finale di Mao Tse-tung e la prima bomba atomica dell’Urss.

Nel 1950 scoppia la guerra di Corea.

Il diritto all’informazione e l’informare con esattezza in questo periodo esistono solo apparentemente, lo testimoniano le false notizie pubblicate sui giornali come la versione della morte del bandito Giuliano.

Il procuratore di Roma colpisce i giornali sugli argomenti di cronaca nera limitando, così la pubblicazione dei minimi particolari riguardanti i delitti ed i suicidi.
  1   2   3

Похожие:

La stampa Italiana, dalla Liberazione alla crisi di fine secolo iconAlla fine della versione italiana di questo ebook c’è la versione inglese ibrida integrale

La stampa Italiana, dalla Liberazione alla crisi di fine secolo iconAlla fine della versione italiana di questo ebook c’è la versione inglese ibrida integrale

La stampa Italiana, dalla Liberazione alla crisi di fine secolo icon1. Organico assegnato e altri collaboratori alla ricerca afferenti alla struttura

La stampa Italiana, dalla Liberazione alla crisi di fine secolo icon1. Organico assegnato e altri collaboratori alla ricerca afferenti alla struttura

La stampa Italiana, dalla Liberazione alla crisi di fine secolo iconPercorsi alternativi alla guerra e alla violenza dall’antichità a oggi

La stampa Italiana, dalla Liberazione alla crisi di fine secolo icon1. Organico assegnato e altri collaboratori alla ricerca afferenti alla struttura

La stampa Italiana, dalla Liberazione alla crisi di fine secolo icon1. Organico assegnato e altri collaboratori alla ricerca afferenti alla struttura

La stampa Italiana, dalla Liberazione alla crisi di fine secolo iconIl paese che resiste raccontato dalle pagine di Liberazione

La stampa Italiana, dalla Liberazione alla crisi di fine secolo iconPosseduti dalla Biblioteca di Scienze

La stampa Italiana, dalla Liberazione alla crisi di fine secolo iconPosseduti dalla Biblioteca di Scienze

Разместите кнопку на своём сайте:
Библиотека


База данных защищена авторским правом ©lib.znate.ru 2014
обратиться к администрации
Библиотека
Главная страница