Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e scienze del linguaggio (lsl)




Скачать 43.07 Kb.
НазваниеRegolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e scienze del linguaggio (lsl)
Дата09.11.2012
Размер43.07 Kb.
ТипДокументы

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e scienze del linguaggio (LSL)




Classe: L-11 Lingue e culture moderne

Codice del corso: LT3

Il presente regolamento disciplina gli aspetti organizzativi del Corso di Studio, ai sensi di quanto previsto dall'art. 12 del Decreto Ministeriale 22 ottobre 2004, n.270 e dal Regolamento didattico di Ateneo.

1. Scheda informativa

1.1. Collegio didattico del corso


Composizione del Collegio: si veda in www.unive.it/lingue (percorso Facoltà → Collegi didattici)

1.2. Recapiti

  • Sede della Presidenza di Facoltà: si veda in www.unive.it (percorso Facoltà → Presidenza)

  • Sedi delle attività didattiche : si veda in www.unive.it/aule (percorso Facoltà → Sedi della Facoltà)

  • Informazioni sulle Lauree triennali: sono reperibili direttamente in www.unive.it/lingue (percorso Facoltà →Lauree triennali)

1.3. Informazioni sul presente Regolamento

  • Il presente Regolamento è stato deliberato dal Consiglio della Facoltà di Lingue e Letterature Straniere nella seduta del 9 luglio 2008:

  • Parte generale: 9 luglio 2008 ultimo aggiornamento.

  • Allegati: 9 luglio 2008 ultimo aggiornamento.

2. Parte generale


2.1. Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

Il Corso di Laurea in Lingue e Scienze del Linguaggio intende promuovere una solida formazione di base sia per quanto attiene l'ambito della conoscenza linguistica pratica (in due lingue straniere occidentali), sia teorica (nelle scienze del linguaggio). A tale formazione generale si aggiungerà poi l'acquisizione di competenze specifiche in un sotto-settore delle scienze del linguaggio, coerentemente con il curriculum scelto dallo studente, che può essere orientato al campo filologico, glottodidattico, linguistico-computazionale, della linguistica teorica e linguistica per la sordità e i disturbi del linguaggio. In tal modo si è cercato di ottemperare all'esigenza di formare un laureato che possa proseguire con profitto gli studi iscrivendosi ad una laurea magistrale, o che possa proporsi sul mercato del lavoro con competenze differenziate. In questo secondo caso, ovviamente, l'acquisizione di specifiche capacità professionali dovrà essere completata nell'ambito lavorativo di appartenenza, data la breve durata del Corso di Studi.

Obiettivi di apprendimento del Corso di Studi sono solida preparazione pratica e teorica in due lingue straniere occidentali, il possesso di strumenti metodologici specifici allo studio delle scienze del linguaggio in generale e delle discipline specifiche del curriculum. Queste competenze e conoscenze costituiscono la naturale base formativa per lo svolgimento dei ruoli per i quali il Corso di Studi intende preparare i propri studenti. Ciò testimonia, dunque, la coerenza degli obiettivi di apprendimento stabiliti per il Corso di Studi con gli obiettivi generali dello stesso.

2.2. Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati

Coloro che si laureano in Lingue e scienze del linguaggio dovranno avere una adeguata capacità di analisi e potranno accedere a tutti gli ambiti lavorativi che prevedono una adeguata conoscenza di due lingue straniere delle loro varietà, della loro storia e della loro struttura interna, come il turismo culturale, le relazioni pubbliche, la traduzione, l’uso delle lingue nel commercio.

L'articolazione in curricula offre inoltre una preparazione che può agevolare l'inserimento nel mondo del lavoro e in una società multiculturale con figure professionali di tipo innovativo che richiedono competenze specifiche, come l’accoglienza, l’inserimento e la formazione in lingua e cultura italiana di soggetti stranieri; l’intermediazione linguistica e culturale; l’attività di assistenza e facilitazione alla comunicazione per soggetti sordi o con deficit del linguaggio; l’attività di traduzione ed editoria (anche multimediale); nonché l’applicazione delle conoscenze linguistiche al trattamento automatico del linguaggio.

2.3. Requisiti di accesso


Per accedere al Corso di Laurea si richiede un diploma di scuola media superiore che corrisponda all'avvenuta assimilazione di nozioni di cultura generale, a un grado di approfondimento compatibile con la conclusione di un Corso di Studi nella scuola secondaria.

Sono inoltre richieste predisposizione e interesse per le lingue straniere, curiosità per le diversità culturali, storiche e sociali delle tradizioni nazionali studiate, attitudine agli studi linguistici, spiccato interesse per la riflessione sul linguaggio e sulle lingue specifiche scelte come lingue di specializzazione, disponibilità alla mobilità studentesca nell'ambito dei programmi offerti dall'Ateneo.

È indispensabile la conoscenza della lingua inglese almeno a livello B1, verificabile attraverso un test di valutazione o attraverso il riconoscimento delle seguenti certificazioni linguistiche:

ENTE

LIVELLO MINIMO ACCETTABILE (B1)

Cambridge ESOL

Preliminary Test of English (PET)

Trinity College London

GESE Grade 6; ISE Level 1

City and Guilds

Achiever

Edexcel/Pearson

London Test of English Level 2

nonché:

ACELS Ireland

Test of Interactive English (assessed at B1 or higher)

TOEFL

86 on the IBT (Internet based test)

Qualora non si possieda alcuna delle certificazioni sopra elencate o non si superi il test di valutazione, lo studente, nell’arco del primo anno di iscrizione, potrà acquisire la conoscenza della lingua inglese a livello B1 attraverso la frequenza di un corso inglese zero on line – erogato dal Centro Linguistico d’Ateneo (CLA) - al termine del quale è previsto un test valutativo.

Il superamento del test di valutazione, o il riconoscimento delle certificazioni, non è propedeutico al sostenimento di alcun esame previsto nei corsi di studio.

Nel caso in cui non venga superato il test nell’arco del primo anno di corso, lo studente è tenuto a presentare autonomamente certificazione del raggiungimento del livello B1 all’atto d’iscrizione al secondo anno.

Ulteriori informazioni sono reperibili on line all’indirizzo: www.unive.it/cmm.

Programmazione degli accessi


  • Accesso libero

2.4. Forme didattiche


Le attività didattiche sono articolate in due semestri, ciascuno dei quali ha una durata di 12/13 settimane.

Le lingue d’insegnamento sono l’italiano e quelle oggetto di studio.

Sono previste le seguenti forme di didattica: lezioni in presenza e in teledidattica, esercitazioni in presenza e in teledidattica, laboratori, tirocini, seminari.

Esami e verifiche possono essere effettuati in forma scritta, orale e/o telematica, a seconda dei contenuti e delle caratteristiche del singolo insegnamento.

Non ci sono obblighi di frequenza.

2.5. Presentazione dei piani di studio


Al primo anno d’iscrizione, lo studente è tenuto a presentare il proprio piano di studi entro le scadenze previste dalle Segreterie Studenti. Il piano di studi può essere aggiornato annualmente.

Per la presentazione e l'aggiornamento del piano si rimanda all’indirizzo www.unive.it (percorso Servizi studenti/laureati→Segreterie studenti→Compilazione/modifica del piano di studi)

2.5.1. Regole dei piani di studio


Il piano di studio prevede la scelta di due lingue tra quelle offerte.

Le propedeuticità sono previste esclusivamente per gli insegnamenti di lingua, i quali vanno sostenuti nell’ordine progressivo indicato dal numero di annualità.

Lo studente potrà inserire tra gli insegnamenti a libera scelta (utilizzando i 12 crediti disponibili) un insegnamento da 12 cfu oppure 2 insegnamenti da 6 crediti ciascuno.

L’ordinamento del Corso di Laurea, come ulteriori attività formative, prevede: 3 crediti di inglese veicolare, 3 crediti di tirocinio e 3 crediti di abilità informatiche e telematiche.

2.6. Prova finale e conseguimento del titolo


Le sessioni di laurea sono tre: una estiva (giugno), una autunnale (ottobre - novembre) e una straordinaria (febbraio).

Il conseguimento della laurea triennale richiede il superamento della prova finale, per la quale sono previsti 3 crediti.

Ricordiamo che se lo studente intende laurearsi in una sessione nella quale deve sostenere degli esami, dovrà sostenere la prova nel primo appello della sessione. Il numero massimo di esami sostenibili consentito è tre, di cui solo uno può essere della stessa lingua, per un numero di crediti non superiore a 20.

Gli studenti laureandi nella prima sessione utile del terzo anno di corso potranno chiedere, tramite il proprio relatore di elaborato finale, l’autorizzazione al Collegio didattico di sostenere un numero di esami residui nel primo appello superiore a tre.

Per le caratteristiche della prova finale si rimanda a : www.unive.it/lingue (percorso Lauree triennali → Corso di laurea di riferimento).

E’ previsto che lo studente possa laurearsi al massimo con 24 crediti in soprannumero.

2.7. Altre disposizioni

Studenti part-time


Lo studente part-time è uno studente che per ragioni di lavoro, di salute o perché impegnato nell’assistenza a familiari non autosufficienti, si trova nell’impossibilità di dedicarsi agli studi a tempo pieno.

Per l’anno accademico 2008-2009 gli studenti part-time potranno immatricolarsi al corso di laurea triennale in Lingue e scienze del linguaggio (LSL).

Per gli studenti part-time si rimanda a : www.unive.it/lingue (percorso Generale→Studenti part-time)
      • Modalità opzioni


L’Università assicura la conclusione dei corsi di studio ed il rilascio dei relativi titoli, agli studenti già iscritti all’entrata in vigore del D.M. 270/2004 (studenti del vecchio ordinamento e dell’ordinamento ex D.M. 509/1999), oppure consente di esercitare l’opzione allo stesso corso di laurea trasformato.

Potranno esercitare l’opzione al primo anno del nuovo ordinamento ex D.M. 270/2004 solo gli studenti, iscritti ai corsi di laurea triennale ex D.M. 509/1999, che alla data del 30 settembre 2008 abbiano conseguito un numero di crediti formativi universitari inferiore o uguale a 30.

Gli studenti che decideranno di optare verranno iscritti al primo anno di corso di laurea triennale o di laurea magistrale.

La scelta di optare, una volta esercitata, è irrevocabile.

Si ricorda che per l’anno accademico 2008/2009 è attivato solo il primo anno dei corsi del nuovo ordinamento e non sarà possibile laurearsi prima dell’anno accademico 2010/2011. Si precisa inoltre che l’opzione potrebbe comportare la perdita di alcuni crediti già acquisiti.

Per le modalità e il periodo entro cui esercitare l’opzione si rimanda alla Guida dello Studente e a quanto pubblicato on line.
      • Conseguimento del titolo in tempi inferiori a quelli previsti


Non sarà possibile laurearsi prima dell’anno accademico 2010/2011, anno di entrata a regime dei nuovi ordinamenti ex DM 270/2004.
      • Iniziative d’internazionalizzazione e voto finale di laurea


Viene attribuito un punto (bonus) per il voto finale di laurea e si riconosce l’esperienza all’estero come attività sostitutiva di stage (con bonus e relativi crediti) a quegli studenti che abbiano usufruito di programmi LLP/Erasmus o di programmi di mobilità internazionale.

Per gli studenti che abbiano frequentato la Ca’ Foscari - Harvard Summer School è prevista l’attribuzione di un punto (bonus) per il voto finale di laurea.

I bonus di cui sopra sono cumulabili.
      • Riconoscimenti di crediti per conoscenze e abilità professionali certificate


Sono previsti e valutati dal Collegio didattico eventuali riconoscimenti di crediti per conoscenze e abilità professionali certificate ai sensi della normativa vigente, nonché altre conoscenze e abilità maturate in attività formative di livello postsecondario alla cui progettazione e realizzazione l'università abbia concorso.
      • Aggiornamento e modifica del Regolamento


L'Ateneo assicura la periodica revisione del presente Regolamento, entro il 15 maggio di ogni anno, per le parti relative a:

  • programmazione degli accessi, fatte salve specifiche disposizioni ministeriali in materia;

  • articolazione dei curricula

  • elenco degli insegnamenti, salvo eventuali successive integrazioni.

3. Allegati

3.1. Guida dello studente, curricula previsti, piano di studio

Si rimanda a: www.unive.it/lingue (percorso Generale→Guida di Facoltà)

3.2. Elenco degli insegnamenti attivati per l'anno accademico in corso


Per l’elenco degli insegnamenti si rimanda a: www.unive.it/didattica





Похожие:

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e scienze del linguaggio (lsl) iconRegolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Culture del Mediterraneo e del Medio Oriente (medor)

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e scienze del linguaggio (lsl) iconRegolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue, culture e società dell’ Asia Orientale (licsao)

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e scienze del linguaggio (lsl) iconFilosofia si è arricchita nel 1963 del Corso di laurea in Lingue e letterature straniere moderne poi posto ‘ad esaurimento’ con la nascita della Facoltà di

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e scienze del linguaggio (lsl) iconProgramma del Corso di Biocristallografia per la Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari ed industriali

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e scienze del linguaggio (lsl) iconOggetto: Formazione Funzioni Obiettivo: partecipazione ai progetti definiti a livello territoriale ai sensi del comma 6 dell’art. 14 del ccni del 31 1999

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e scienze del linguaggio (lsl) iconObiettivo del corso

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e scienze del linguaggio (lsl) iconProgramma del corso

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e scienze del linguaggio (lsl) iconProgramma del corso “Fisiopatologia Neuromuscolare”

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e scienze del linguaggio (lsl) iconProgramma del corso di Algoritmi e Strutture Dati Prof ssa Rossella Petreschi

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e scienze del linguaggio (lsl) icon1. Questa settimana molti giornali si sono occupati dell’intesa Milano-Roma, Albertini-Veltroni. Ho inserito alcuni articoli, apparsi sulle cronache di Milano del Corriere e di Repubblica, a cui ho aggiunto due sonetti del Porta e due del Belli. Par condicio, e senza traduzione. 2

Разместите кнопку на своём сайте:
Библиотека


База данных защищена авторским правом ©lib.znate.ru 2014
обратиться к администрации
Библиотека
Главная страница