La gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo




НазваниеLa gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo
страница5/26
Дата05.10.2012
Размер0.53 Mb.
ТипДокументы
1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   26

Una volta identificati e quantificati gli scenari più critici, l’impresa ha a disposizione due tipologie di strumenti per gestire in modo ottimale i rischi evidenziati (v. Fig. 15):




  • strumenti di controllo e

  • strumenti di finanziamento.



Nell’ambito degli strumenti di controllo, quelli di elusione (o eliminazione) e di prevenzione mirano a impedire il verificarsi dell’evento.

Gli strumenti di protezione, invece, dato per scontato che l’evento dannoso si verifichi, consentono di minimizzarne gli effetti sulle strutture e sulle operazioni aziendali.




Fra gli strumenti di finanziamento, quelli dell’assicurazione e del trasferimento non assicurativo consentono di sottrarre l’impresa alle conseguenze finanziarie derivanti dal prodursi dell’evento e del danno conseguente.


Lo strumento della ritenzione viene invece utilizzato (consciamente o inconsciamente) dall’impresa per mantenere al proprio interno l’onere economico finanziario.

Esaminiamo ora nel dettaglio gli impatti delle diverse strategie di gestione e controllo dei rischi. Per maggiore semplicità facciamo riferimento ad una rappresentazione grafica che ha per base la mappa di rischio e che riporta le cosiddette “curve isorischio”, ovvero l’insieme degli scenari (ciascuno dei quali individuato da un punto) caratterizzati dal medesimo legame funzionale (Fig. 16).



La elusione (Fig. 17) è l’eliminazione del rischio per mezzo dell’abbandono delle attività o delle operazioni che lo determinano. Può avere luogo mediante:

- la rinuncia ad uno dei business aziendali

  • la chiusura di stabilimenti o di reparti

  • l’abbandono di tecnologie

  • la sostituzione di materiali o componenti del prodotto finito con altri caratterizzati da pericolosità nulla o trascurabile.




La prevenzione (Fig. 18) è l’insieme delle misure di sicurezza finalizzate a impedire il prodursi di eventi dannosi. La prevenzione è un’azione che consente di ridurre la probabilità di accadimento di un evento, a parità di grado di severità (magnitudo).




La protezione (Fig. 19) è l’insieme delle misure di sicurezza finalizzate a minimizzare il danno in occasione del prodursi degli eventi dannosi. In altri termini la protezione è un’azione che consente di ridurre il grado di severità di un evento (magnitudo), a parità di probabilità di accadimento.



Prevenzione e protezione del rischio vengono spesso riunite nell’unica denominazione di “loss control”. Le tecniche e gli interventi di loss control possono essere ricondotti a tre categorie generali:

- attrezzature e impianti di sicurezza

- procedure operative

- formazione degli operatori.




Il trasferimento assicurativo o “assicurazione” è un contratto che garantisce una copertura finanziaria al verificarsi di un evento dannoso o sinistro (assicurazione danni) oppure in relazione ad eventi della vita di una persona (assicurazione vita).

L’impresa trasferisce alla compagnia assicurativa le (o parte delle) conseguenze monetarie dell’evento dannoso.

Il trasferimento non assicurativo è invece lo spostamento del rischio su soggetti diversi da una compagnia di assicurazione. Può avvenire in due modi:
- trasferendo solo le conseguenze dell’evento (trasferimento monetario), oppure

1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   26

Похожие:

La gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo iconUnione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti – onlus

La gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo iconInternational Association of University Professors & Lecturers
«regola del 90%» abilitazioni scientifiche. IL punto finanziamenti. Arriva IL multifondo 2012 ricerca. IL finanziamento degli under...
La gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo iconDella learning community del Centro Studi di Terapia della Gestalt

La gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo iconRutas del romanico en la provincia de pontevedra

La gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo iconProgramma del Corso di Biocristallografia per la Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari ed industriali

La gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo icon«Ecco ora IL momento favorevole» (2Cor 6,2)
«collaboratori della gioia», che ci è chiesta di testimoniare nell’oggi della storia, I laici di Azione Cattolica intendono assumere...
La gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo iconLo scopo del Notiziario Europeo è di fornire al lettore una panoramica delle principali novità riguardanti l’attività delle Istituzioni dell’Unione Europea e di casaliguria

La gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo iconElenco monografie della biblioteca dell’Istituto per le Applicazioni del Calcolo “Mauro Picone” – cnr – Sezione di Napoli

La gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo iconFilosofia si è arricchita nel 1963 del Corso di laurea in Lingue e letterature straniere moderne poi posto ‘ad esaurimento’ con la nascita della Facoltà di

La gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo iconRegolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Culture del Mediterraneo e del Medio Oriente (medor)

Разместите кнопку на своём сайте:
Библиотека


База данных защищена авторским правом ©lib.znate.ru 2014
обратиться к администрации
Библиотека
Главная страница