La gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo




НазваниеLa gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo
страница2/26
Дата05.10.2012
Размер0.53 Mb.
ТипДокументы
1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   26

L’impresa e’ una organizzazione dinamica, costantemente impegnata nell’acquisizione di vantaggi competitivi. Scopo di ogni impresa e’ la creazione di valore.




Nel corso delle proprie attività, ogni impresa e’ soggetta a una serie di minacce di natura competitiva e non competitiva.

Queste minacce influenzano l’operativita’ dell’impresa stessa, e incidono sul suo valore attuale.



Nella Fig. 1 vengono riportati gli andamenti tipici di una crisi, ovvero di un evento dannoso che può interessare l’impresa. Si possono sempre identificare tre fasi distinte:


  • una fase di normalità, che caratterizza il momento precedente l’evento dannoso

  • una fase di emergenza, che contraddistingue il verificarsi dell’evento e il periodo immediatamente successivo

  • una fase di recupero, nel corso della quale vengono messe in atto tutte le azioni / misure per ripristinare le condizioni preesistenti all’evento.




Il successo di queste azioni è misurato dalla rapidità con la quale avviene il recupero delle condizioni preesistenti: nell’ambito della gestione delle crisi, quindi, il tempo è il fattore chiave.


Naturalmente l’esperienza ci dice che ogni situazione di crisi può avere una evoluzione positiva oppure negativa, in funzione della gravità dell’evento che ha interessato l’impresa così come della capacità da parte della stessa di gestire nel modo più efficace la situazione (v. Fig. 2 e 3).






Oltre alla corretta gestione delle variabili competitive tradizionali, è quindi necessario che ogni impresa protegga i fattori produttivi materiali e immateriali di cui dispone, ovvero che salvaguardi gli elementi fondamentali che sono alla base dei processi di creazione del valore.


Il campo di studi che si occupa di queste problematiche prende il nome di "PROTEZIONE AZIENDALE".

2. L’oggetto della protezione aziendale


L’oggetto della “protezione aziendale” è lo studio e l’attuazione di strategie, politiche e piani operativi volti (nell’ottica della creazione del valore dell’impresa) a prevenire, fronteggiare e superare eventi che possano colpire le risorse (materiali, immateriali e umane) di cui l’azienda dispone o di cui necessità per garantirsi una adeguata capacità concorrenziale nel breve, nel medio e nel lungo periodo.

Gli obiettivi della “protezione aziendale” sono fondamentalmente due:




  • la salvaguardia del patrimonio aziendale

  • la garanzia di continuita’ operativa (ovvero di continuita’ dei processi di creazione di ricchezza).

Un’applicazione rigorosa delle strategie di protezione aziendale, intervenendo sui rischi non competitivi, garantisce da un lato una maggiore stabilità del valore

dell’impresa e dall’altro una crescita del suo valore reddituale.


Il risultato finale è sempre una crescita del valore complessivo dell’impresa. Lo schema logico riportato in Fig. 4 esemplifica quanto ora affermato (per maggiori dettagli si veda “La Protezione Aziendale” – A. Gilardoni – Ed. EGEA)1.





3. Il rischio imprenditoriale

Il contesto attuale nel quale opera ogni impresa è caratterizzato da una notevole complessità: ad una forte dinamicità degli scenari economici e politici si affianca una fragilità del sistema nei confronti delle minacce del terrorismo e delle calamità naturali.




1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   26

Похожие:

La gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo iconUnione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti – onlus

La gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo iconInternational Association of University Professors & Lecturers
«regola del 90%» abilitazioni scientifiche. IL punto finanziamenti. Arriva IL multifondo 2012 ricerca. IL finanziamento degli under...
La gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo iconDella learning community del Centro Studi di Terapia della Gestalt

La gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo iconRutas del romanico en la provincia de pontevedra

La gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo iconProgramma del Corso di Biocristallografia per la Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari ed industriali

La gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo icon«Ecco ora IL momento favorevole» (2Cor 6,2)
«collaboratori della gioia», che ci è chiesta di testimoniare nell’oggi della storia, I laici di Azione Cattolica intendono assumere...
La gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo iconLo scopo del Notiziario Europeo è di fornire al lettore una panoramica delle principali novità riguardanti l’attività delle Istituzioni dell’Unione Europea e di casaliguria

La gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo iconElenco monografie della biblioteca dell’Istituto per le Applicazioni del Calcolo “Mauro Picone” – cnr – Sezione di Napoli

La gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo iconFilosofia si è arricchita nel 1963 del Corso di laurea in Lingue e letterature straniere moderne poi posto ‘ad esaurimento’ con la nascita della Facoltà di

La gestione del rischio unione degli industriali della provincia bergamo iconRegolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Culture del Mediterraneo e del Medio Oriente (medor)

Разместите кнопку на своём сайте:
Библиотека


База данных защищена авторским правом ©lib.znate.ru 2014
обратиться к администрации
Библиотека
Главная страница